venerdì, 4 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica A Firenze l’allerta arriva via...

A Firenze l’allerta arriva via app (e con una chiamata)

Come comportarsi in caso di calamità te lo dice lo smartphone. E se c’è un'emergenza arriva una chiamata grazie al cervellone-telefonico della protezione civile

-

La novità è l’app anti-panico. Un programmino da scaricare sullo smartphone (per il momento solo sui sistemi Android) che avvisa in caso di allerta a Firenze (meteo, idrogeologica e simili), ma non solo. Consiglia anche su come affrontare l'emergenza, riportando tutti i comportamenti corretti da tenere in situazioni di rischio: violenti temporali, scosse di terremoto, incendi.

Come scaricare l'app della protezione civile

L’applicazione, scaricabile anche dal sito internet della protezione civile del Comune di Firenze, fa parte delle misure previste dal nuovo piano di protezione civile, il super dossier che contiene tutte le procedure da attivare in caso di calamità.

Il piano, che è stato aggiornato, contiene anche l’Alert System, il servizio che avvisa via telefono con un messaggio vocale i cittadini sui problemi che potrebbero verificarsi in città, dando anche istruzioni sul comportamento da seguire.

Pronto-allerta

Si va dalle segnalazioni di pericoli, all’interruzione dei servizi pubblici, fino alla chiusura di strade e scuole. Un modo per limitare i disagi per i cittadini, spiegano dalla Protezione civile. Il cervellone, gestito dalla sala operativa comunale, chiamerà i numeri disponibili nell’elenco telefonico. Per chi non fa parte dell’elenco o preferisce ricevere queste informazioni via cellulare è possibile iscriversi al servizio Firenze Alert System, registrandosi sul sito internet.

Protezione civile di Firenze

Le sale operative della protezione civile all'Olmatello

Il nuovo piano di protezione civile

“Il piano in vigore scade il 31 dicembre 2015 – spiega il sindaco di Firenze Dario Nardella, la massima autorità di protezione civile sul territorio comunale – ma ci eravamo impegnati a rivederlo in anticipo, cosa che abbiamo fatto. A seguire approveremo l’aggiornamento dei singoli piani settoriali relativi al rischio idrogeologico, al rischio neve e al rischio sismico”.

Ma come funziona la gestione delle emergenze a Firenze? Il Reporter, nei mesi scorsi, è entrato nella sala operativa della protezione civile di Firenze all'Olmatello, un vero e proprio grande fratello che sorveglia i fiorentini.

Ultime notizie

Cosa cambia e cosa succede con il nuovo Dpcm dal 4 dicembre 2020

Spostamenti tra regioni, coprifuoco, negozi, apertura dei ristoranti, palestre e feste in casa a Capodanno: cosa cambia dopo il 4 dicembre con l'uscita del nuovo Dpcm e con il decreto legge Natale

Coprifuoco anche a Natale e Capodanno: nuovo Dpcm, orario più lungo

Coprifuoco alle 22 anche durante le feste, comprese le notti di Natale, vigilia e Capodanno. Il nuovo decreto non salva né il cenone della vigilia né il veglione di San Silvestro

Spostamenti tra comuni, nuovo Dpcm di Natale: regole dopo il 4 dicembre

Le regole per le feste natalizie. "Disincentivare gli spostamenti tra regioni e limitare gli spostamenti tra comuni anche in zona gialla", annuncia il ministro della Salute Speranza

Nuovo Dpcm di dicembre in Gazzetta Ufficiale: quando esce il testo (pdf)

Il governo è al lavoro sulle misure per le prossime feste natalizie. In arrivo il testo definitivo