Diventare esperti d’olio extravergine d’oliva non è più roba da nerd dell’industria agroalimentare o da addetti ai lavori: prende il via a Firenze il primo corso per diventare “sommelier d’olio”, imparando a distinguere le differenze tra territori e annate diverse, ad abbinare l’olio al cibo a seconda dell’acidità e della fragranza, e infine diventando consumatori più consapevoli.

Le lezioni, a cura di AIRO – Associazione Internazionale Ristoranti dell’Olio e ANAPOO, si terranno a Villa Carlotta (via Michele di Lando) ogni lunedì e mercoledì a partire dal 9 aprile 2018.

Come ogni corso per aspiranti sommelier che si rispetti (vedi anche alla voce Fisar e Ais, per quel che riguarda il vino), il percorso formativo per assaggiatori d’olio è suddiviso in tre livelli. Il primo avrà per oggetto le conoscenze di base relative alla filiera dell’olio extravergine d’oliva, i fondamenti della tecnica di degustazione, attraverso l’assaggio di oli vergini ed extravergine, fino alla valutazione degli abbinamenti tra olio e cibo.

I “PROF” DEL CORSO per assaggiatori di olio d'oliva

A guidare gli assaggiatori d’olio provetti un parterre di agronomi, consulenti e giornalisti specializzati, tra i quali Franco Pasquini, presidente di ANAPOO, Alberto Grimelli, agronomo e giornalista, Marco Scanu, oleologo, Cristina Gazzana, assaggiatrice AIRO, Piero Barachini, vivaista, e Fiammetta Nizzi Grifi, agronomo e responsabile tecnico del Consorzio Olio DOP Chianti Classico, Sonia Donati Slow Food, Simona Pappalardo docente AIRO, Beniamino Tripodi Pieralisi, Alessandro Parenti Università di Firenze, Filippo Falugiani, presidente A.I.R.O. Per la sezione dedicata all'abbinamento olio-cibo importantissima sarà la collaborazione con lo chef stellato Matia Barciulli.

Il corso, tuttavia, non si rivolge soltanto ai professionisti dell’olio o a coloro che desiderino diventarlo: è un’ottima opportunità di approfondimento anche per i consumatori più attenti agli aspetti salutistici degli alimenti. “L’olio extravergine di oliva – dichiarano gli organizzatori – è un prodotto straordinario che, se consumato nelle giuste quantità, ha un effetto protettivo sulla mucosa gastrica, riduce il rischio cardiovascolare, migliora il profilo lipidico e riduce i valori della pressione arteriosa”.

LE LEZIONI 2018

Sette le lezioni del primo livello, in orario 19 – 21, per la durata di circa un mese, dal 9 aprile al 7 maggio. Il secondo livello è già in programma per il mese di settembre, mentre il corso di terzo livello per assaggiatori d’olio si svolgerà a gennaio 2019 e consentirà di acquisire l’attestato di idoneità fisiologica all’assaggio di oli d’oliva vergini ed extravergini.

Ulteriori dettagli sul corso:
www.associazioneairo.com/formazione
mail: info@associazioneairo.com