venerdì, 18 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica A Giani le deleghe alla...

A Giani le deleghe alla cultura

-

 Ieri il sindaco Leonardo Domenici ha incontrato l’assessore alla cultura Giovanni Gozzini, che ha rassegnato le sue dimissioni e rimesso le deleghe. “E’ stato un colloquio chiarificatore, molto utile e sereno, al termine del quale ho ritenuto opportuno riprendere le deleghe nelle mie mani, in pieno accordo con Gozzini – spiega il sindaco – Voglio ringraziare Giovanni sia per l’atto di sensibilità istituzionale e politica, sia per il lavoro svolto e il contributo di idee che ha portato nella sua veste di assessore alla cultura”.

Questo il testo della lettera di dimissioni di Giovanni Gozzini:

“Caro Sindaco, le opinioni espresse nella trasmissione “Bene bene male male” di Controradio lunedì scorso che, ribadisco, erano a titolo personale e frutto di una conoscenza approssimativa della vicenda legata al progetto di realizzazione di un nuovo stadio per la città di Firenze, hanno assunto un rilievo politico per me del tutto inaspettato e che tuttavia mi pone in una condizione di imbarazzo e di difficoltà nel proseguire il mio lavoro di assessore. Desidero, anche in questa occasione, confermare completa fiducia nell’operato dell’amministrazione, ma non posso, alla luce di quanto accaduto, che rimettere le deleghe che mi avevi affidato nelle tue mani e lasciare a te le decisioni che riterrai più opportune”.

Critiche da parte dell’opposizione che ha definito le dimissioni “un atto di buon senso”.“La città – ha aggiunto Bianca Maria Giocoli – non si accorgerà dell’assenza di un assessore alla cultura, vista la scarsa incidenza del suo lavoro. Questa vicenda apre una crisi profonda nella giunta Domenici che, peraltro, negli ultimi tempi ha già dimostrato di non poter contare su una maggioranza. Lunedì prossimo il sindaco deve venire in consiglio comunale e riferire sulla crisi in giunta e sulle conseguenze. Ogni ritardo non solo sarà un affronto alla nostra assemblea ma sarà pagato duramente dalla città. Per noi, comunque, l’unica soluzione è chiudere in anticipo la legislatura”.

“In questa legislatura la maggioranza di sinistra non è riuscita a trovare un assessore alla cultura per la città di Firenze. Ne hanno cambiati due, ma sempre con pessimi risultati”. Lo ha detto il consigliere Giovanni Donzelli (AN-Pdl), che ha deciso di mettere un annuncio on line per trovare un nuovo assessore alla cultura.(http://www.annunciusato.net/index.php?item/444 )

“L’amministrazione ha ingaggiato artisti rock come Pelù – ha ricordato – comici del calibro di Benigni e organizzato iniziative milionarie come Italia Wave. Tutto ciò non è bastato a coprire il vuoto della propria proposta culturale e i limiti degli assessori che si sono dati il cambio in questi anni. Prima Simone Siliani, poi l’interim del sindaco Domenici infine Giovani Gozzini. E ora?”.

E ora è il turno di Eugenio Giani, assessore allo sport, a cui il sindaco Domenici, con un’ordinanza, ha consegnato questa mattina le deleghe alla cultura (spettacolo, beni culturali, piazze storiche, biblioteche), istituzioni culturali, mostre ed eventi, musei comunali, rapporti con università e centri di ricerca, cooperazione con i paesi in via di sviluppo.


 

Notizia precedenteAvis Toscana su Second Life
Notizia successivaLeggere per non dimenticare

Ultime notizie

Il concerto dei Bowland a Villa Bardini (in streaming)

Un'esibizione speciale che sarà trasmessa sui social. Lattexplus lancia un nuovo progetto che lega insieme musica e location esclusive

Tessera elettorale smarrita o piena: cosa fare per ritiro, cambio o rinnovo

Persa, danneggiata o rubata: la procedura da seguire per richiedere il documento essenziale al momento del voto

Cosa fare a Firenze il 19 e 20 settembre: eventi e idee per il weekend

Dimmi cosa ti piace e ti dirò dove andare: la guida all'ultimo fine settimana d'estate tra concerti, artigianato, cibo e solidarietà

Bonus computer 2020: voucher da 500 euro per pc, tablet e internet

Un buono da 500 euro riservato ai redditi bassi per l'acquisto di pc, tablet o connessione a internet: come funziona il bonus computer e per la banda ultralarga