sabato, 4 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaAbbandoni e fame: la crisi...

Abbandoni e fame: la crisi ora colpisce anche gli animali

Aumentano coloro che non riescono più a mantenere i propri migliori amici.

-

Quando la crisi morde, anche Fido è costretto a tirare la cinghia. Nel 2012 la sede fiorentina dell’Enpa (l’Ente nazionale protezione animali) ha assicurato 136 interventi gratuiti di natura veterinaria, dalla visita all’operazione chirurgica.

CIBO. Un dato che supera quello dell’anno precedente del 65%. In aumento anche la somministrazione di cibo da parte dell’Enpa: ai privati in difficoltà che si sono rivolti all’associazione per sfamare il proprio animale domestico, nel 2012 sono stati distribuiti 450 chili di mangime. “Negli anni precedenti – spiegano dall’ente – davamo sì e no qualche scatoletta”. Ma quanto costa nutrire un animale domestico? Prendiamo, ad esempio, un cane di taglia media, sui 15 chili di peso. Acquistando cibo in scatola di qualità non eccessivamente alta né scadente, servono più o meno 3-4 euro per assicurargli due pasti al giorno. Il conto, ovviamente, si fa più salato se il numero di animali a carico aumenta.

AFFIDAMENTI. C’è chi si difende risparmiando il più possibile sul cibo. Altri, come dicono i dati, chiedono aiuto agli enti che si offrono di darlo. Proprio all’Enpa, da circa un anno, c’è un magazzino dove chi è in difficoltà può trovare beni alimentari per il proprio animale. Ma per chi subisce la crisi in maniera davvero grave, a volte l’ingegno non basta. Sono sempre più frequenti i casi di chi è costretto a rinunciare al proprio miglior amico a quattro zampe. Il dato del 2012 non è ancora disponibile, ma dall’Enpa fanno sapere con certezza che “si è notata, negli ultimi tempi, un’accentuazione di richieste di affidamento, che pare confermarsi anche nel primo trimestre del 2013”. Una soluzione estrema, che spesso grava su chi è più legato al proprio animale da compagnia: gli anziani. Si tratta di situazioni in cui, più che per la crisi, i padroni sono costretti a rinunciare al cane o al gatto perché si ammalano e non sono più in grado di assicurare loro le cure adeguate.

CONTROLLI. Ma decisioni simili vengono prese di frequente anche da chi subisce uno sfratto esecutivo per morosità. Pare siano sempre di più, infatti, gli animali che, sfrattati come i loro padroni, vengono dati in affidamento o portati in strutture di accoglienza, come il canile di Ugnano. A vigilare sullo stato di salute degli animali più “fortunati”, quelli cioè che possono ancora contare su un tetto sotto il quale vivere, sono le guardie zoofile. Che a Firenze, nel 2012, hanno eseguito 2.057 servizi, spesso risolti con un semplice richiamo alle persone segnalate, che hanno preso provvedimenti adeguati a ristabilire una situazione normale. In 535 casi, però, si sono aperti fascicoli d’indagine, a volte amministrativa, altre volte penale. “Con la crisi – spiegano dal nucleo zoofilo fiorentino – c’è meno tempo per stare dietro agli animali. A volte l’abbassamento della qualità della vita dei padroni si traduce in una minore attenzione verso il cane o il gatto, che vengono nutriti o trattati non adeguatamente”.

Ultime notizie