domenica, 12 Luglio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Accusati di stupro rimessi in...

Accusati di stupro rimessi in libertà

Tornano in liberà senza nessun obbligo, in base a quanto deciso dal gip del tribunale di Firenze Anna Sacco, i sei ragazzi accusati di aver fatto ubriacare e poi violentato una studentessa appena fuori dalla Fortezza da Basso. L'episodio, denunciato dalla ragazza, era avvenuto lo scorso 26 luglio.

-

Più di un mese in carcere, poi gli arresti domiciliari e ora il ritorno in libertà, e senza nessun obbligo. E’ stato il gip del tribunale di Firenze a rimettere in libertà i sei giovani accusati di aver composto il branco che, lo scorso 26 luglio fuori dalla Fortezza da Basso, aveva violentato una studentessa dopo averla fatta ubriacare.

Era stata la stessa ragazza a denunciare il fatto alla polizia, che aveva poi individuato i presunti responsabili della violenza: per loro si erano aperte le porte del carcere, poi trasformate in arresti domiciliari dalla metà di settembre. 

Le indagini sull’episodio ancora in corso, con accertamenti su cellulari, abiti e sull’auto in cui sarebbe avvenuta la violenza. Ora il pm dovrebbe decidere se chiedere o meno il rinvio a giudizio per gli indagati.

Ultime notizie

Cinque casi e un decesso: il bollettino sul coronavirus in Toscana dell’11 luglio

Cinque nuovi casi, un solo decesso: i dati e le notizie di oggi, 11 luglio, sul contagio da coronavirus in Toscana

Dove vedere Inter Torino in tv: Sky o Dazn?

Grande attesa per Inter Torino il 13 luglio alle ore 21.45 che si giocherà a porte chiuse per la trentaduesima giornata del campionato: ma dove vederla in tv, su Sky o Dazn?

Guida 2020 ai locali estivi di Firenze, per drink e musica all’aperto

Sono meno, ma sono aperti: ecco i bar e gli spazi open air per trascorrere l'estate 2020 tra musica, buon cibo e divertimento (in sicurezza). Dal lungarno fino al centro passando dalla periferia

Stato di emergenza, arriva la proroga: cosa comporta

Ci sarà la (scontata) proroga dello stato di emergenza: quando finisce e cosa comporta? Ecco cosa prevede la legge