martedì, 2 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Agricoltura fiorentina sempre più bio

Agricoltura fiorentina sempre più bio

Agricoltura toscana sempre più bio

-

Un incremento a ampio raggio, che ha riguardato le arnie dei bombi, insetti utilizzati per l’impollinazione in serra, ma anche le larve di coccinella (Adalia Bipunctuta) o di crisoperla (Crisoperla Cornea) per debellare la piaga degli afidi e gli esempi non si fermano qui.

“Sono oltre una trentina – spiega Simone Tofani, responsabile dell’Area tecnica della Cooperativa Agricola di Legnaia – le aziende della provincia fiorentina che si sono rivolte a noi per avere insetti utili e molte richieste sono arrivate anche da altre realtà della regione. Rispetto allo scorso anno c’è stato un aumento di 7-8 unità, che dimostra come sia sempre maggiore l’attenzione per la salvaguardia dell’ambiente e la riduzione dell’uso di antiparassitari. Per quanto riguarda i quantitativi, direi che siamo intorno a un 30 % in più rispetto a quelli del 2007, anno in cui si era già registrato un discreto incremento. Tutto questo rappresenta un valore aggiunto per la qualità delle coltivazioni locali, in un momento in cui i clienti, disorientati da scandali e situazioni poco chiare, chiedono sempre più garanzie”.

Nei primi mesi di quest’anno sono lievitate a circa 2 mila unità le richieste di larve di coccinella e a circa 16 mila quelle di crisoperla per combattere gli afidi che infestano le colture, come i pidocchi che lo scorso anno avevano creato diversi problemi ai peschi nella zona di Scandicci.

“Il ricorso agli insetti utili – ricorda Tofani – avviene soprattutto in serra e abbiamo registrato una crescita impressionante nelle richieste di miridi per combattere la ‘mosca bianca’, circa 4 mila unità, di fitoseidi che combattono i ragnetti rossi, afidi che infestano pomodori, peperoni, cetrioli e altre coltivazioni orticole, arrivati a 18 mila unità, e dell’ ‘Orius levigatus’ per controllare i tripidi, insetti che colpiscono zucchine, cetrioli, pomodori e peperoni, per cui sono arrivate più di 2 mila richieste.

Buona anche la quantità richiesta delle arnie di bombi, usati per l’impollinazione, arrivate a superare quota 35. E’ chiaro che l’utilizzo degli insetti utili in aree protette come le serre, implica che l’agricoltore utilizzi metodi di difesa rispettosi dell’ambiente, per non danneggiarli”.

Ultime notizie

In zona arancione si va a scuola o no: quando sono aperte le superiori

Scuole superiori aperte o chiuse? Ecco quando si va a scuola in zona arancione, le regole del nuovo Dpcm

Fiorentina, al Franchi arriva la Roma

Verrà ricordato Davide Astori. Possibile il rientro di Amrabat a centrocampo: le probabili formazioni di Fiorentina - Roma

Covid Toscana, casi di nuovo sopra quota mille: i dati del 2 marzo

In 24 ore si contano 1.058 nuovi casi di Covid in Toscana, preoccupanti i dati dei ricoveri in ospedale, oltre 1.100. Oggi si registrano 13 morti

Si può andare in Sardegna? Ancora niente vacanze, per entrare serve il tampone

È la prima regione in zona bianca, ma ancora non si può andare in Sardegna: e per chi ha necessità di farlo serve il tampone