domenica, 2 Ottobre 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaAiuole pubbliche, via a fiori...

Aiuole pubbliche, via a fiori anti-zanzare ed erbe curative / FOTO

Proseguono le sperimentazioni botaniche del Comune di Firenze per abbellire gli spazi verdi della nostra città: il pollice verde di Palazzo Vecchio quest'anno punta tutto su colore, resistenza e biodiversità. GUARDA LE FOTO

-

Pubblicità

Estetica, resistenza e biodiversità. E’ questa la ricetta utilizzata dai giardinieri di Palazzo Vecchio per abbellire le aree verdi della nostra città.

“WILD FLOWERS”. Niente più violette del pensiero e primulette delicate, per le aiuole pubbliche il Comune punta tutto su erbacee perenni e “wild flowers”, ovvero fiori di campo, in grado di crescere e riprodursi senza troppe cure.

Pubblicità

250MILA EURO. Per una spesa totale di 250mila euro, sono state piantate 12mila erbacee (tra cui iris, hibiscus, echinacea, salvia viola), 1.300 graminacee e 500 cespugliose. Questo nuovo mix di “invasioni botaniche”, così come le ha volute chiamare il sindaco Renzi, ancora in fase sperimentale, stanno già dando ottimi risultati nelle aiuole del Piazzale Michelangelo, via Aretina, piazza Stazione, piazza Alberti e Ferrucci, Ponte a Ema, piazzale delle Cascine o piazza Gaddi.

BIODIVERSITA’. Piantine resistenti, dunque, ma anche esteticamente valide e, soprattutto, eco-funzionali. Le specie scelte, infatti, attirano e accolgono tutta una serie di animaletti utili, a loro volta capaci di richiamare in città uccelli insettivori. 

Pubblicità

{phocagallery view=category|categoryid=200|limitstart=0|limitcount=0}

INVASIONI DI GIGLI. E le “invasioni botaniche” non si fermano qui. A settembre il pollice verde di Palazzo Vecchio proverà a decorare le aiuole cittadine con il fiore simbolo della città grazie a una collaborazione con la Società Italiana dell’Iris.

Pubblicità

Ultime notizie