venerdì, 18 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Alcol vietato dopo le 21.15,...

Alcol vietato dopo le 21.15, otto violazioni in due settimane

Tracciato un primo bilancio dell'ordinanza anti-alcol entrata in vigore a Firenze da due settimane. Sanzioni da mille euro a otto gestori di minimarket, e in un caso da seimila euro.

-

Otto violazioni a gestori di minimarket in via dei Macci, via Ghibellina, via Palazzuolo, corso Tintori, via San Giuseppe: è questo il primo bilancio dell’ordinanza anti-alcol (quella che vieta la vendita di alcol da asporto dopo le 21.15), a due settimane dalla sua entrata in vigore.

IL BILANCIO. E’ quanto emerso dai controlli mirati della polizia municipale, iniziati il 15 dicembre. In tutti i casi – viene spiegato da Palazzo Vecchio – sono state fatte sanzioni di 1.000 euro ciascuna. In un caso è stata effettuata una sanzione da 6.000 euro perché il gestore è stato sorpreso a vendere superalcolici dopo la mezzanotte, in violazione alle norme del Codice della Strada.

RISULTATI. “La reiterazione della violazione potrà portare a sanzioni ancora più pesanti come la sospensione dell’attività di vendita fino a 20 giorni”, ricorda il vicesindaco Dario Nardella. “Ringrazio la Polizia Municipale per l’attività svolta nei giorni di festa – continua il vicesindaco –. Questi primi risultati dimostrano due aspetti: il primo è che l’ordinanza, grazie ai controlli mirati, produce effetti concreti che hanno una forte valenza deterrente. Il secondo è che molti gestori stanno assumendo contromisure per eludere i controlli. Per questo l’azione di contrasto si intensificherà nelle prossime settimane, grazie anche alla collaborazione di Questura e Carabinieri. L’ordinanza interviene in modo incisivo con un divieto forte e serve, come detto fin dall’inizio, a garantire un contrasto forte alla proliferazione di minimarket alimentari che non necessitano più di licenze con il nuovo regime di liberalizzazione del commercio. E’ una forma di lotta al degrado e incide sul problema diffuso degli incidenti stradali. Questo provvedimento ovviamente non può e non deve essere considerato una soluzione definitiva e permanente perché in una comunità sana occorre lavorare sull’educazione e sulla sensibilizzazione dei giovani ad un consumo consapevole e responsabile”.

ULTIMI CONTROLLI. Durante gli ultimi controlli, nei giorni del 21 è 22 dicembre – conclude Palazzo Vecchio – è stata riscontrata una maggior attenzione da parte dei gestori dei minimarket nel rispetto dell’ordinanza, anche a seguito di ulteriori controlli da parte della Polizia di Stato.

Ultime notizie

95 mila confezioni di materiale per la scuola donate nei Coop.fi

Successo per la raccolta straordinaria di materiale scolastico organizzata nei supermercati di Unicoop Firenze

Anche Unicoop Firenze sostiene Corri la Vita

La spesa di frutta e verdura Vivi Verde sostiene la lotta al tumore al seno

Tempo determinato e Covid: proroga senza causale, le regole per il rinnovo

Fino a quando dura la "proroga speciale" introdotta dal decreto agosto, qual è il numero limite di rinnovi e la durata massima di un contratto a termine

Elezioni regionali 2020 in Toscana: come e quando si vota, la guida

Chi sono i candidati, quando si vota, come funziona il sistema elettorale: quello che c'è da sapere sulle elezioni regionali 2020 in Toscana