lunedì, 14 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaAllarme caldo per il weekend:...

Allarme caldo per il weekend: previsti 36 gradi

Continua la morsa di caldo che da qualche giorno assedia Firenze. Oggi in città scatta lo stato d'attenzione, mentre sabato 3 luglio la situazione dovrebbe peggiorare ulteriormente, tanto da far scattare l'allarme. Rischi per la salute delle persone fragili.

-

Sarà un weekend bollente quello che ci aspetta, almeno secondo le previsioni del Lamma. Continua, inaffti, la morsa di caldo che da qualche giorno assedia Firenze. E con il caldo arrivano anche i potenziali rischi per la salute dei soggetti fragili, in primis gli anziani.

LE PREVISIONI. La Protezione civile, sulla base del bollettino del Lamma, il laboratorio di meteorologia della Regione, segnala infatti per oggi (venerdì 2 luglio) lo stato di attenzione, mentre domani, sabato 3, la situazione dovrebbe ulteriormente peggiorare, tanto da determinare l’allarme. L’innalzamento del livello di rischio è il frutto del persistere della morsa di caldo che, secondo le previsioni, dovrebbe proseguire ancora per qualche giorno. Per quanto riguarda domani, la colonnina dovrebbe attestarsi sui 36 gradi, uno in più rispetto ad oggi. Ad aggravare il tutto si aggiunge il numero delle ore con disagio da caldo, che dovrebbero passare dalle 13 odierne alle 14 previste per domani.

CONSIGLI. Sono rinnovati, quindi, i consigli a non uscire e non fare attività fisica all’aria aperta nelle ore più calde della giornata, non rimanere sotto il sole a lungo. Ancora fare una colazione abbondante e pasti leggeri, bere più acqua e mangiare molta frutta e verdura, utilizzare vestiti chiari e leggeri. Per fare fronte ai bisogni degli anziani, soprattutto quelli che vivono da soli e quelli affetti da patologie, l’Amministrazione comunale ha potenziato nel periodo estivo i servizi di supporto e di monitoraggio attivi tutto l’anno. Prima di tutto il numero verde dell’Aiuto Estate Anziani (sorveglianza passiva) 800/801616, poi la “sorveglianza attiva” per gli over 75 anni con patologie a rischio identificate dalla Regione (cardiopatie, iperetensione, insufficienze respiratorie, diabetici ecc).

Ultime notizie