domenica, 27 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Ancora un maxi-sequestro di merce...

Ancora un maxi-sequestro di merce contraffatta, tra borse e cinture

La guardia di finanza ha sequestrato oltre 12mila oggetti di pregio nell'hinterland fiorentino. Il laboratorio scoperto era dotato di macchine ed attrezzature, e il lavoro era svolto soprattutto di notte e nei weekend.

-

Ancora un maxi-sequestro di merce contraffatta da parte della guardia di finanza nell’hinterland fiorentino.

IL SEQUESTRO. Il sequestro questa volta ha interessato oltre 12mila oggetti di pregio: borse, portafogli e cinture che riportavano le scritte Gucci, Fendi, Hermes, Prada, Burberry, Chanel e Givenchy, ”identici” – spiega la guardia di finanza – in ogni minimo particolare rispetto agli originali. Sono stati sequestrati 12.912 oggetti di pelle lavorati e semilavorati; 412 metri di tessuto; 32 kg di pelle; 8 kg di minuteria metallica; 3 punzoni per imprimere i nomi dei marchi; 103 punzoni per codifiche alfanumeriche; 6 macchine per pelletteria (2 per cucire, 1 scarnitrice, 1 punzonatrice, 1 incollatrice, 1 scartatrice).

LE INDAGINI. I finanzieri del Gruppo di Firenze sono giunti a individuare “l’opificio del falso” dopo alcune, approfondite indagini partite dal controllo di soggetti italiani con “precedenti” per la produzione e commercio di prodotti contraffatti di alta moda. La società, che si trovava nella periferia di Scandicci e gestita da un quarantanovenne qua residente, era condotta da due italiani aiutati da un francese (originario del Congo) e da un cittadino originario di Taiwan. Il laboratorio – spiehano ancora le Fiamme Gialle – era dotato di macchine e attrezzature che consentivano il ciclo completo di produzione di borse, cinture e portafogli. All’interno della manifattura sono stati ritrovati anche disegni e riproduzioni degli ultimi modelli di articoli in pelle delle citate case di moda.

LA MERCE. Particolare attenzione – racconta la gdf – era dato a ogni minimo dettaglio dell’oggetto in pelle: dalle materie prime (alcune borse Hermes erano confezionate con pregiate pelli di alligatore provenienti dagli Usa) alla minuteria metallica (fibbie e lucchetti riprodotti con minuziosa precisione e metalli di pregio); dalle buste e scatole per le confezioni ai certificati di garanzia. La lavorazione e le rifiniture delle finte borse Hermes erano effettuate a mano. I prodotti di pregio, tenuto conto anche dell’alto costo di vendita, erano diretti principalmente al mercato internazionale (Nord America, Est Asiatico e Russia).

LE DENUNCE. L’attività lavorativa – conclude la finanza – era svolta principalmente nelle ore serali o notturne e nei weekend, per sfuggire a possibili controlli delle forze dell’ordine. I quattro soggetti (due italiani, un francese e un taiwanese) sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria di Firenze per il reato di produzione di merce contraffatta.

Ultime notizie

La Fiorentina si fa rimontare e perde a San Siro

Ribery meraviglioso. Disastro Vlahovic

L’Orchestra della Toscana riparte da 20 Intermezzi

Tra la stagione scorsa interrotta dal coronavirus e la prossima ancora da definire, l’Orchestra regionale della Toscana torna sul palco del Verdi con un programma di concerti per l’autunno. 500 i posti disponibili

Inter Fiorentina in tv: Sky o Dazn?

Inter Fiorentina in tv: una partita da non perdere quella in programma alle ore 20.45 a San Siro: ma dove vederla in Tv su Sky o Dazn?

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre