Fa discutere la proposta del Pdl in Consiglio Comunale a Firenze: permettere il passaggio di moto e motorini lungo le corsie preferenziali per ridurre il traffico e rendere più fluida la circolazione. L’argomento divide anche i lettori de IlReporter.it, ecco alcune delle opinioni arrivate alla mail [email protected] e sulla pagina Facebook de Il Reporter.

NIENTE MOTORINI, SI’ ALLE BICI. ” Firenze è già sufficientemente intasata da traffico di auto e motorini, l’inquinamento è massimo – scrive Francesco -. Vedo però che non si pensa mai a incentivare e/o favorire il mezzo che non inquina, ovvero le biciclette. Alle bici andrebbero aperte alcune (e sottolineo alcune) preferenziali, non ai motorini. Non rallenterebbero, perché si tratterebbe di tratti brevi (es. Via degli Arazzieri) e perché in bici si cade se si va a meno di 15 km/h. La velocità commerciale dei bus a Firenze, da dati ATAF, è inferiore, dal che si deduce che una bici non rallenta il bus.Inoltre, una bici è più stretta di uno scooter e anche eventuali sorpassi sono più facili”.

MIGLIORARE IL SERVIZIO. “Non sarebbe meglio pensare ad un servizio pubblico efficiente? invece fanno qualcosa che lo penalizza”, commenta Tommaso.

C’E’ CHI DICE SI’. “Sono d’accordo: già molte corsie preferenziali sono usate, di fatto, dagli scooter: perché non pensare ad aprirne alcune, quelle in cui non si vengono a creare disagi alla circolazione degli autobus?” si chiede Laura.

COSA NE PENSI. E te, cosa pensi della mozione presentata dai consiglieri comunali del PdL Marco Stella e Stefano Alessandri (leggi l’articolo)? Mandaci una mail all’indirizzo [email protected] o commenta sulla nostra pagina Facebook.