Altri nove cinesi, titolari di ditte di confezioni, sono stati denunciati per aver violato le norme urbanistiche ed edilizie e di sicurezza sul lavoro.

Gli ambienti delle ditte di confezioni erano ricavati abusivamente con pannelli di legno e cartongesso. Gli agenti inoltre hanno trovato anche piccole stanzi usate come dormitori e cucine improvvisate con bombole a gas prive delle misure di sicurezza. I vari locali erano collegati da cunicoli “segreti” e numerose botole erano state aperte per permettere la fuga.

La polizia ha messo sotto sequestro gli ambienti delle ditte in questione e 18 clandestini sono stati espulsi.