lunedì, 8 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Arrestato Vittorio Cecchi Gori

Arrestato Vittorio Cecchi Gori

Arrestato Vittorio Cecchi Gori. L'ex produttore cinematografico e presidente della Fiorentina è accusato di bancarotta patrimoniale nell'ambito dell'inchiesta sul fallimento del gruppo.

-

Cecchi Gori, dopo l’arresto, è stato portato nel reparto di isolamento del carcere di Regina Coeli, a Roma. A quanto si apprende dall’indagine, condotta nel massimo riserbo, la causa dell’arresto dell’ex produttore cinematografico sarebbe la bancarotta della Safin cinematografica.

La Guardia di Finanza, infatti, sembra ritenere che alcune aziende del gruppo sarebbero state “deliberatamente condotte al dissesto e svuotate del loro patrimonio in favore di altre società del medesimo gruppo”. Oltre all’arresto di Vittorio Cecchi Gori, la Procura ha disposto anche il sequestro delle quote societarie di diverse imprese riconducibili all’ex produttore: immobili di prestigio tra cui sale cinematografiche di Roma, Firenze, Genova e Bari.

Dunque, ancora guai per l’ex presidente della Fiorentina, dopo quelli passati negli anni scorsi, che avevano portato all’arresto nel 2001 per cocaina e a un’ordinanza di custodia cautelare per il fallimento della società viola. Ma lui si dice sereno e sicuro che presto sarà fuori: “State tranquilli, è certamente un disguido“, ha affermato mentre gli agenti lo portavano fuori dalla sua casa.

Notizia precedenteRapinatore e clandestino
Notizia successivaA volte ritornano…

Ultime notizie

Sciopero, 8 marzo 2021 a Firenze: gli orari per bus Ataf, tramvia e treni

Gli orari e le fasce di garanzia dello sciopero dell'8 marzo 2021 a Firenze per i bus Ataf, la tramvia di Gest e i treni di Trenitalia

Violenza di genere, l’altra pandemia. Anche a Firenze

Tra le mura di casa e in strada, il lockdown ha isolato le donne vittime di abusi. Cosa si è fatto a Firenze

Di che colore è la Toscana: zona rossa o arancione questa settimana (8-14 marzo)?

Questa settimana (8-14 marzo) la Toscana resta in zona arancione, ma con qualche zona rossa locale: Pistoia, con le scuole chiuse, e due comuni tra Livorno e Pisa. Chiuse tutte le scuole in 40 comuni