venerdì, 14 Agosto 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica I Bowland accendono le luci...

I Bowland accendono le luci di Firenze

-

Tre ospiti speciali per dare luce alle strade di Firenze. Per una sera i Bowland sono scesi dal palco e sono arrivati nel quartier generale di Silfispa, la società che tra le altre cose gestisce le oltre 46mila lampade dell’illuminazione pubblica cittadina.

Il gruppo rivelazione di X Factor 2018 ha girato la chiave che mette in funzione i lampioni: l’accensione delle lampade stradali viene infatti eseguita manualmente ancora oggi, per una precisa scelta i Silfispa.

Bowland e gli altri “ospiti d'onore”

Prima di Lei Low, Pejman Fa e Saeed Aman, anche altri personaggi noti hanno acceso di persona le luci di Firenze: tra loro il cantante fiorentino Lorenzo Baglioni, l’abate di San Miniato al Monte padre Bernardo Gianni e il sindaco Dario Nardella.

I Bowland, reduci dal quarto posto nel talent show di Sky Uno, di recente hanno annunciato il loro tour italiano con un concerto anche a Firenze, città dove vivono da anni: si esibiranno il 30 marzo sul palco dell'Auditorium Flog. Per saperne di più su questa band leggi il nostro articolo 6 cose che non sai sui Bowland.

Ultime notizie

Decreto agosto 2020: ecco il testo definitivo, presto in Gazzetta Ufficiale

Quando esce il nuovo decreto con le misure economiche per la crisci scatenata dal coronavirus. Le prime notizie sulle nuove misure, dai bonus al cashback per chi paga con le carte elettroniche

Mobike elettrica a Firenze: quanto costa, come si usa, dove si parcheggia

È appena arrivata in città la nuova flotta di biciclette elettriche. Ecco una guida al loro utilizzo

Coronavirus Toscana: mappa, dati e nuovi casi di oggi (13 agosto)

Tutto quello che c'è da sapere sull'andamento dei casi di Covid-19 nella nostra regione: la mappa, i nuovi contagi, i dati per provincia pubblicati nel nuovo bollettino della Regione

Le 5 terme più belle della Toscana: le migliori mete, da Saturnia a Rapolano

Viaggio alla scoperta dei luoghi più amati dagli habituée del turismo termale: dalle vasche con vista sulle colline alle piscine naturali gratis