venerdì, 19 Agosto 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaAutobus, arrivano le nuove pensiline....

Autobus, arrivano le nuove pensiline. Dove? Lo scelgono i passeggeri

"Saranno i cittadini a dirci dove servono realmente le pensiline di fermata": lo annuncia il presidente di Ataf Filippo Bonaccorsi. I cittadini potranno comunicare le loro indicazioni attraverso internet, con le cartoline postali e nel corso di assemblee pubbliche che verranno convocate appositamente.

-

Pubblicità

Gli utenti indicano dove serve la pensilina di fermata e Ataf ce la mette.

CAMPAGNA. La novità, che partirà nelle prossime settimane con una massiccia campagna di comunicazione, è stata pensata da Ataf per scegliere il luogo migliore in cui installare cento pensiline nuove (non al posto di quelle vecchie da cambiare, ma in aggiunta alla rete già esistente e attualmente in corso di sostituzione con i manufatti in cristallo e ferro).

Pubblicità

BONACCORSI. “Saranno i cittadini a dirci dove servono realmente le pensiline di fermata”, spiega il presidente di Ataf, Filippo Bonaccorsi. “I passeggeri sono senza dubbio i migliori esperti della rete di Tpl e conoscono perfettamente le esigenze di chi ogni giorno attende il bus: per questo chiediamo a loro di indicarci cento spazi dove è necessario posizionare una pensilina nuova”.

INDICAZIONI. I cittadini potranno comunicare ad Ataf le loro indicazioni attraverso internet, con le cartoline postali e nel corso di assemblee pubbliche che verranno convocate appositamente. Il lancio dell’operazione sarà supportato da una campagna di comunicazione capillare che farà conoscere a tutti i cittadini l’opportunità e gli strumenti disponibili per dare le proprie indicazioni. Ataf raccoglierà tutti i suggerimenti pervenuti per stilare la lista dei cento luoghi più richiesti dai fiorentini e procedere con l’installazione delle pensiline.

Pubblicità

STOP AL CALDO. Nelle prossime settimane inizierà inoltre l’applicazione sulle nuove pensiline del film fotovoltaico che, oltre a proteggere dal sole i passeggeri in attesa, consentirà di produrre energia pulita: “Rispondiamo ad una giusta esigenza manifestata dai nostri utenti che, durante i mesi estivi, avevano lamentato il troppo caldo sotto le pensiline in cristallo: così riusciamo a garantire un’attesa confortevole e la produzione di energia sostenibile”, commenta il presidente Bonaccorsi.

Pubblicità

Ultime notizie