domenica, 18 Aprile 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaBiblioteche comunali, a Firenze riapertura...

Biblioteche comunali, a Firenze riapertura dal 13 luglio

Tornano attive 11 biblioteche fiorentine, ok all'ingresso nelle sale lettura e all'accesso libero agli scaffali, ma con regole anti-Covid. Ecco come funziona

-

Prendere un libro da uno scaffale, sfogliarlo e chiederlo in prestito, dal 13 luglio si può: è stata infatti annunciata la riapertura di 11 biblioteche comunali di Firenze.

Dopo una primo ritorno in attività post lockdown a singhiozzi (che prevedeva un orario ridotto e il servizio di prestito e restituzione solo su prenotazione) e con il prestito gratuito a domicilio per alcune categorie di persone, dalla metà del mese di luglio è stata disposta la riattivazione delle sale di lettura con possibilità di accedere liberamente agli scaffali e al prestito interbibliotecario.

13 luglio, riapertura delle biblioteche comunali di Firenze, ecco quali:

La Biblioteca delle Oblate, la Mario Luzi, Villa Bandini, la Bibliotecanova, la Biblioteca Filippo Buonarroti, il Palagio di Parte Guelfa, la Pietro Thouar, Fabrizio De André, Dino Pieraccioni, la Biblioteca del Galluzzo e dell’Orticoltura, queste sono le biblioteche di nuovo attive a partire dal 13 luglio, aperte con orario completo.

Sarà dunque possibile studiare, leggere nelle sale lettura e scegliere i libri a scaffale aperto, pur nelle necessarie prescrizioni di sicurezza anti-Covid.

Sarà dunque obbligatorio:

  • Indossare la mascherina
  • Igienizzare le mani
  • Rispettare il distanziamento

Libri in quarantena e servizio di sorveglianza

Sarà mantenuto il sistema della prenotazione per poter accedere alle sale e organizzato un servizio di sorveglianza in modo da garantire il rispetto delle norme di sicurezza.

I libri che rientrano dal prestito continueranno ad essere posti in “quarantena”, cioè in uno spazio riservato per 7 giorni per garantire la sanificazione da eventuali contagi. Al contrario i libri consultati o letti in biblioteca non verranno messi in quarantena poiché il loro utilizzo potrà avvenire solo con i dovuti dispositivi individuali di protezione.

Ultime notizie