martedì, 24 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Bilancino a secco, scende di...

Bilancino a secco, scende di 2 centimetri al giorno: è allarme / VIDEO

Una siccità così grave Bilancino non l'aveva mai vissuta. L'invaso si è dimezzato nell'ultimo anno. E le conseguenze si vedono a colpo d'occhio.GUARDA IL VIDEO

-

Una siccità così grave Bilancino non l’aveva mai vista. L’invaso che disseta quasi un milione e mezzo di persone tra Firenze, Prato e Pistoia, è uscito più che dimezzato dagli ultimi mesi, caratterizzati da precipitazioni cadute con il contagocce. I rubinetti, se le condizioni meteo non cambieranno, potrebbero rimanere a secco la prossima estate.

SEMPRE PIU’ GIU’. Ogni giorno, da ottobre a questa parte, Bilancino scende al ritmo di due centimetri al giorno. Oggi è arrivato a quota 243,92 metri sul livello del mare, contro gli abituali 252; meno di 34 milioni di metri cubi d’acqua contro una media di 69 milioni. Le conseguenze si vedono a colpo d’occhio: il lago si è letteralmente ritirato lasciando sulle sue sponde colonie di cozze ormai secche. In alcuni punti dell’invaso non è possibile passare con le imbarcazioni, per il fondale troppo basso.

Bilancino2_300LIVELLO DI ALLERTA. La riserva strategica d’acqua è già stata intaccata. Di questo passo, se le condizioni atmosferiche non muteranno, la scorta si assottiglierà fino ad arrivare a una situazione tragica nella primavera 2012. Il rischio è quello di rimanere a secco la prossima estate. A fare il punto sulla situazione l’Autorità di bacino dell’Arno, l’ente che per legge monitora il fiume e i suoi affluenti, insieme a Publiacqua.

{youtube}eiivdRm3qJY{/youtube}

POCHE, POCHISSIME PIOGGE. “Generalmente tra ottobre e novembre il lago arrivava quasi al colmo di piena e invece proprio nella stagione autunnale è mancata la ricarica e la scorta di piogge che garantiva una riserva in vista dell’estate successiva – spiega Erasmo D’Angelis, presidente di Publiacqua -sorgenti, torrenti, fiumi sono in secca da settimane e purtroppo le previsioni non ci tranquillizzano, ci sarà qualche spruzzo per il fine settimana, ma niente di risolutivo a breve”.

NUOVI INVASI. Per far fronte alla siccità sul lungo periodo servirebbero nuove infrastrutture. “Vanno creati altri ‘piccoli Bilancino’ – prosegue D’Angelis – dalla diga di Gello a Pistoia ai due invasi nel Chianti sulla Pesa e la Greve e sul Bisenzio pratese. Possiamo mettere in sicurezza anche le zone collinari e montane con riserve idriche fondamentali per ogni emergenza. I cambiamenti climatici, ormai sotto gli occhi di tutti, rendono questi passaggi ancora più urgenti”.

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: crescono casi e morti per coronavirus

I dati del 23 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Natale 2020, 10 idee regalo a km 0 da ordinare online

La guida de Il Reporter per scegliere i 10 regali a km zero da comprare online per il Natale 2020

Decreto Ristori ter, quando il testo definitivo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Nuove risorse per il contributo a fondo perduto in favore delle attività chiuse e buoni spesa per le famiglie in difficoltà: il testo del "decreto ristori ter" presto in Gazzetta Ufficiale

Cosa succederà dopo il 3 dicembre con il nuovo Dpcm di Natale

Governo al lavoro sul nuovo decreto anti-Covid: spostamenti tra regioni, coprifuoco, impianti sciistici, apertura dei ristoranti la sera e feste in casa. Le ipotesi sul tavolo