mercoledì, 1 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaBoom di accessi a sostanze.info

Boom di accessi a sostanze.info

grande successo per www.sostanze.info nella campagna di prevenzione sull'uso di stupefacenti.

-

Quasi 60.000 accessi alle pagine, oltre 16.000 visite, cento la media delle visite giornaliere e oltre 160 le domande poste e le risposte degli operatori. “Questo ultimo dato è particolarmente importante – ha precisato Duilio Borselli, responsabile del servizio dipendenze e salute mentale del Comune – perché testimonia il successo del sito quale veicolo di informazione e prevenzione“.

Il sito, realizzato in collaborazione con l’associazione ASA, fornisce un servizio di informazione particolarmente accurato sulle sostanze di abuso attualmente presenti sul mercato. Per ogni sostanza è disponibile una dettagliata scheda informativa con la sua storia, le componenti, gli effetti e i rischi. Nel sito ci sono poi due aree “Parlane con gli operatori” (realizzata in collaborazione con gli operatori del Sert e che dà la possibilità di avere in tempo reale risposte ai quesiti formulati dagli utenti collegati on line) e “Discuti” (che permette a chiunque sia connesso, dopo la registrazione al sito, di collegarsi ed esprimere la propria opinione su qualsiasi argomento sollevato nel forum).

Questa mattina sono state illustrati i risultati dall’assessore alle politiche sociosanitarie e presidente della Società della Salute, Graziano Cioni e da Borselli del servizio dipendenze e salute mentale del Comune e dagli operatori impegnati nella gestione del sito. “I numeri del sito insieme ai dati forniti da varie ricerche confermano che l’uso di sostanze è diffuso e coinvolge i giovani su larga scala – ha dichiarato l’assessore Cioni – i dati più recenti, tratti dalla relazione annuale al Parlamento 2006 e che monitorano i consumi sulla popolazione delle scuole medie superiori, fotografano una situazione molto preoccupante caratterizzata da una larga diffusione dell’uso di alcol e di sostanze. E la Toscana è abbastanza in linea con la media nazionale”.

Si conferma quindi una larghissima diffusione del consumo di bevande alcoliche (circa il 70% dei giovani, la Toscana è sopra alla media nazionale con l’85%), un uso rilevante di cannabis (intorno al 24%), un trend in aumento per la cocaina (il 4,8% a livello nazionale e la Toscana con la Lombardia è sopra alla media delle altre regioni) e una tendenza alla diminuzione per il consumo di eroina.

“I risultati positivi del sito si basano su diversi fattori – ha spiegato Borselli – prima di tutto la totale privacy garantita agli utenti, che consente a tutti di esprimere opinioni e fare domande in modo anonimo. Poi la filosofia con la quale è costruito il sito, ovvero cercare il dialogo con tutti senza fornire verità assolute e rispettando la posizione degli utenti cercando però sempre di cogliere tra le righe un velato timore o una richiesta di aiuto. Perché è vero che attraverso un sito non si cura, ma è altrettanto vero che si può fare informazione cercando di ridurre il gap esistente tra le conoscenza informali che hanno i giovani e i dati degli esperti”.

 

 

Ultime notizie