giovedì, 25 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Caritas e Banca Chianti Fiorentino,...

Caritas e Banca Chianti Fiorentino, un obiettivo comune

-

La Banca del Chianti, che ha appena aperto la sua 4° filiale in Piazza Savonarola, ribadisce dunque la propria vocazione d’istituto attento alle esigenze sociali ed alle necessità del territorio. Una scelta che si concretizza anche attraverso progetti come quello delle obbligazioni etiche. Concretamente, acquistando un taglio minimo di obbligazioni di 1.000 euro, il sottoscrittore devolverà a favore della Onlus Caritas il 15% lordo annuo della cedola maturata, a sua volta anche la Banca del Chianti devolverà un contributo pari allo 0,50% dell’importo collocato. Le Obbligazioni Etiche Caritas hanno durata di tre anni con cedola annuale, la prima è al 3,50% lordo, le due successive saranno pari all’euribor 12 mesi. Grazie all’accordo con l’Associazione Solidarietà Caritas ONLUS, dunque, i clienti della Banca del Chianti Fiorentino potranno collocare i propri risparmi a fini solidaristici, senza rinunciare al fine principale del proprio investimento. “Il nostro scopo – dice il direttore della Banca del Chianti Fiorentino, Andrea Bianchi – è quello di coinvolgere nell’iniziativa il maggior numero di clienti possibile. L’intento è quello d’includere in un circuito finanziario solidale sia le persone ‘sensibili’, che possono ora disporre di soluzioni finanziarie più coerenti con i propri valori, sia quelle con una sensibilità solidaristica minore, magari solo latente, che potrebbero comunque essere attratte da un’offerta in grado di unire, senza sacrificio, l’elemento sociale con quello economico”. “La nostra Banca, consolidando la sua presenza nell’area urbana di Firenze, con quattro filiali oltre a quella di Scandicci, è particolarmente felice di poter utilizzare i propri strumenti di finanza etica in favore di una, se non la più significativa e importante, realtà solidale fiorentina impegnata con oltre venti progetti in centri e case di accoglienza, mense e altre strutture per i più bisognosi – aggiunge il presidente della Banca del Chianti Fiorentino, Paolo Bandinelli -. Seppur in campi diversi, la Banca di Credito Cooperativo ha nei propri valori fondanti di solidarietà e mutualità una profonda affinità e vicinanza alla missione della Caritas. Anche per questo la collaborazione che nasce oggi assume, in vista del 2009 anno del nostro centenario, un significato ancora più grande”.“Siamo estremamente soddisfatti di questo progetto – aggiunge il direttore della Caritas Firenze, Alessandro Martini – perchè si tratta di un’iniziativa che riassume due aspetti per noi fondamentali. Il primo, quello dell’eticità di un soggetto che, come la Banca del Chianti, si occupa di economia riuscendo a creare cultura attraverso il proprio modo di operare. Il secondo è relativo alla certezza che le risorse che deriveranno dalle obbligazioni etiche saranno destinate, nella massima trasparenza, a progetti e servizi nei confronti di numerose necessità che sono presenti sul nostro territorio. Anche per questo – conclude Martini – rivolgo un particolare ringraziamento alla Banca del Chianti, che attraverso questo progetto dimostra una volta di più di essere vera entità etica”.

Ultime notizie

Dati, Covid in Toscana: oggi più di 1.300 contagi. Bollettino del 25 febbraio

La soglia psicologica degli oltre 1.000 contagi giornalieri non veniva superata ormai da due mesi e mezzo. Sopra quota 1.000 anche in ricoveri. Ecco i dati del bollettino Covid della Regione Toscana aggiornato a oggi (25 febbraio)

In quanti in macchina: zona gialla, arancione e rossa, quante persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona gialla, arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid del governo Draghi

La Fiorentina deve guardare avanti, parola di Benzivendolo

Sorprese, delusioni, chi deve restare e chi deve andare via se la Fiorentina vuole tornare grande. Secondo il "Benzivendolo" Andrea Di Salvo è già tempo di scelte forti

Riapertura di cinema e teatri a marzo in zona gialla: le ipotesi per il Dpcm

Con l'arrivo del nuovo Dpcm di marzo 2021, si torna a discutere della riapertura delle sale nel 2021: quando i cinema e teatri potranno stare aperti in zona gialla?