venerdì, 14 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaCarta e cartone, la Toscana...

Carta e cartone, la Toscana batte tutti

Toscana medaglia d’oro in riciclo di carta e cartone. Con una raccolta pro capite di quasi 87 chili ad abitante la nostra regione si conferma una delle più attente al riutilizzo dei materiali di scarto. E’ quanto emerge dal Rapporto annuale sulla Raccolta differenziata pubblicato da Comieco.

-

 

Con quasi 87 chili di raccolta differenziata a testa, la Toscana si aggiudica il primo gradino del podio nella classifica della carta e cartone. Siamo una delle regioni più “riciclone” d’Italia, lo conferma il XV Rapporto sulla Raccolta differenziata di carta e cartone pubblicato da Comieco.

MEGLIO DEL 2008. La differenziata è in crescita, “la Toscana migliora di oltre 5.180 tonnellate sul 2008” ha dichiarato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco.

PRATO IN VETTA. Tra le provincie, Prato si conferma al primo posto con 161,8 kg di raccolta procapite, seguita da Firenze (103,6 kg/ab) e Massa Carrara (100,5 kg/ab). Più distaccate le altre provincie ma con medie di raccolta comunque superiori a quella nazionale (pari a 52,6 kg/ab): la provincia di Siena (84,6 kg/ab) si piazza al quarto posto seguita da Lucca (81,2 kg/ab), Arezzo (72,7 kg/ab), Pisa ( 67,6 kg/ab), Pistoia (62,4 kg/ab), Livorno (60,8 kg/ab), e Grosseto (57,7kg/ab).

FIRENZE SECONDA IN ITALIA. A livello comunale, la città di Firenze è al secondo posto nella classifica nazionale con un procapite di 87,1 kg.

PIU’ SOLDI E MENO COSTI. Grazie alla raccolta differenziata, la Toscana ha potuto beneficiare di notevoli vantaggi economici. “Solo nel 2009 il sistema Comieco ha trasferito ai comuni della Regione oltre 11 milioni di euro come corrispettivo per i servizi organizzati” spiega Montalbetti. Non solo. Fare la raccolta differenziata significa anche ulteriori benefici in termini economici (per i mancati costi di discarica, ad esempio), ambientali (mancata produzione di CO2) ma anche sociali (nuovi posti di lavoro connessi al riciclo).

Benefici pari a 347 milioni di euro nell’arco dell’ultimo decennio.

Ultime notizie