domenica, 2 Ottobre 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaAlle Cascine di Firenze più...

Alle Cascine di Firenze più polizia: scatta il piano “ad alto impatto”

Comune e Prefettura varano il piano ad alto impatto per ridurre i problemi nel parco delle Cascine: ecco cosa prevede

-

Pubblicità

Più polizia e controlli nella zona delle Cascine a Firenze, da sempre a rischio e luogo considerato (anche dalle opposizioni politiche) pericoloso. È quanto deciso nel Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato dal prefetto Valerio Valenti, a cui hanno partecipato il sindaco Dario Nardella e alcuni membri della giunta comunale, nonché i vertici delle forze dell’ordine.

Alle Cascine, a Firenze, più polizia e controlli: cosa prevede il piano “ad alto impatto”

E’ stato definitivo un piano “ad alto impatto” per cercare di ridurre la criminalità nell’area del parco con la presenza di più agenti. Alle Cascine ci sarà infatti il reparto mobile della polizia di Stato, il battaglione dei carabinieri e più vigili della polizia municipale di Firenze. Sono previsti presidi fissi proprio della municipale presso la fermata della tramvia presente alle Cascine, negli orari di maggiore afflusso.

Più vigili alle Cascine: gli orari

Pubblicità

I rinforzi previsti dal sindaco Dario Nardella per la presenza di agenti della polizia municipale nell’area delle Cascine a Firenze si concentrano su tutto il giorno, con 12 pattuglie dedicate all’area: fino dalle prime ore della mattina saranno impiegate 5 pattuglie nella fascia 7-14 e altre 5 nel pomeriggio (14-20), di cui dedicate in orari sensibili ad un presidio alle fermate tranviarie Carlo Monni e Paolo Uccello. Per quanto riguarda la sera ci saranno altre due pattuglie impegnate fino a tardi.

Più sicurezza e polizia alle Cascine, la soddisfazione del sindaco di Firenze

Al termine del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, il sindaco di Firenze Dario Nardella ha sottolineato che il piano “ad alto impatto” per il parco delle Cascine chiama in causa tutte le forze dell’ordine. “Noi puntiamo – ha aggiunto – su un parco vivibile grazie alle istituzioni culturali presenti come il Maggio musicale, ai grandi eventi che nel corso della primavera e dell’estate si avvicendano, e alle attività di svago, tempo libero e sport che si susseguono in quest’area con la presenza di molti impianti”. Soddisfazione è stata espressa anche dagli assessori Stefano Giorgetti (mobilità) e Benedetta Albanese (sicurezza).

Pubblicità

Ultime notizie