domenica, 2 Ottobre 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaCatturato il boa che seminava...

Catturato il boa che seminava il panico nel lucchese

Il grosso rettile, che si aggirava da giorni nelle campagne di Castelvecchio di Compito, non lontano dal centro abitato, è stato catturato stanotte dai volontari dell'Anpana di Pisa, Lucca e Pistoia.

-

Pubblicità

Si aggirava da giorni nelle campagne di Castelvecchio di Compito, nel lucchese, non lontano dall’abitato (leggi l’articolo). Il boa, un esemplare di 2,60 metri, è stato catturato nella notte tra ieri e oggi, poco prima di mezzanotte, dai volontari dell’Anpana (Associazione Protezione Animali Natura Ambiente) di Pisa, Lucca e Pistoia.

ABITANTI ALLARMATI. Ieri pomeriggio, dopo aver notato il grosso rettile pericolosamente vicino alle proprie case, gli abitanti hanno immediatamente allertato i vigili del fuoco della zona che, a loro volta, hanno mobilitato i volontari. Così, l’erpetologo Cristiano Pacini, il presidente dell’Anpana di Pisa Rino Campobassi, Francesca Cetera del nucleo recupero rettili di Pisa, e la guardia ecozoofila Igor Marchetti, hanno raggiunto la zona dell’avvistamento e hanno allestito un vero e proprio campo base.

Pubblicità

PAZIENZA, CORAGGIO E GPS. L’animale è stato catturato dopo ore di ricerca grazie all’utilizzo di attrezzature altamente specializzate, sistemi di ricerca satellitare, molta pazienza e tanto coraggio. Al momento della cattura, avvenuta in via di Badia, alcuni volontari hanno anche riportato dei morsi e una prognosi di 5 giorni.

“NON E’ UN CASO ISOLATO”. Ora l’animale, “un bellissimo esemplare di 5 o 6 anni”, afferma il presidente Campobassi, è sotto la custodia e la cura dei volontari. Purtroppo questo non è un caso isolato: da giugno ad oggi i centri Anpana della zona sono intervenuti una o due volte in media al giorno per catturare altri boa, bisce e serpenti esotici.

Pubblicità

Ultime notizie