La solidarietà passa da piazza Bartali. Lo spazio davanti al Centro*Gavinana ha ospitato il 12 luglio l’evento “A cena per il Meyer”  promosso da Legacoop Toscana con la partecipazione di Unicoop Firenze: più di 800 persone fra soci delle cooperative toscane aderenti a Legacoop e soci Unicoop Firenze hanno preso parte all’evento.

Obiettivo sostenere il progetto Meyer Più, che prevede la crescita dell’ospedale pediatrico fiorentino per offrire cure ancora più efficaci, per creare innovazione per la ricerca e per ampliare spazi e strutture per un’accoglienza a 360 gradi del bambino e della sua famiglia. Durante la serata sono stati raccolti 40mila euro.

La collaborazione con il Meyer

“Anche questa volta la cooperazione toscana ha saputo e voluto dare una risposta importante – ha affermato Roberto Negrini – già in passato, in diverse occasioni, le cooperative e Legacoop Toscana non hanno fatto mancare il loro sostegno alla comunità, penso ad esempio, essendo a Gavinana, all’impegno per la ricostruzione del parco dell’Anconella. E anche questa sera in tantissimi hanno voluto essere qui per sostenere in prima persona il territorio e le sue realtà più importanti, come il Meyer, che per Firenze e non solo è molto più di un ospedale pediatrico”.

Guarda la gallery della serata

https://ilreporter.it/solidarieta-in-piazza-bartali/

A cena per il Meyer rientra nelle iniziative della collaborazione fra Unicoop Firenze e Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer, iniziata a marzo 2018 e che continuerà fino al 2020. I fondi raccolti durante la serata si aggiungono ai 30mila donati alle casse Coop.fi in soli pochi mesi dalla partenza della campagna di Unicoop Firenze, che inoltre destinerà nei prossimi tre anni 1 milione e mezzo di euro al Meyer.

“Siamo felici di vedere da parte dei nostri soci una grande partecipazione al progetto Unicoop Firenze per il MeyerPiù  – afferma Daniela Mori – come abbiamo detto fin dall’inizio la nostra non è una sponsorizzazione ma un impegno per portare il Meyer più vicino alle famiglie, creare salute e solidarietà”.