lunedì, 29 Novembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaChatter Box, un supporto per...

Chatter Box, un supporto per non vedenti nelle gare di equitazione

Anche i non vedenti potranno cavalcare e partecipare a gare di equitazione in autonomia. Questo grazie alla Chatter Box o “scatola chiacchierante”. Un sofisticato sistema di sensori che hanno la capacità di rilevare ostacoli e segnalarli con messaggi vocali. Un sistema che aiuterà il non vedente a vivere insieme agli altri un'esperienza di aggregazione e di divertimento.

-

Anche i non vedenti potranno cavalcare e partecipare a gare di equitazione in autonomia. Questo grazie alla Chatter Box o “scatola chiacchierante”. Si tratta di un sofisticato sistema di sensori, capaci di rilevare un ostacolo in movimento a una distanza massima di 5-6 metri, e di segnalarne con opportuni messaggi vocali la distanza. Il suo utilizzo è finalizzato ad aiutare il cavaliere non vedente nella disciplina equestre e in particolar modo nell’attività di dressage, avvisandolo acusticamente quando è il momento di far cambiare direzione al cavallo. La Chatter Box è stata presentata lunedì 30 gennaio in Palazzo Vecchio dal vicesindaco e assessore allo sport Dario Nardella, dall’inventore della “Chatter Box” Emanuele Ricciardi, dalla presidente del Centro Equestre Fiorentino Francesca Gentile e dal presidente provinciale dell’Unione Italiana Ciechi Antonio Quatraro. Il sistema sarà in uso al Centro Equestre Fiorentino

COME FUNZIONA. Il principio di funzionamento è simile al sonar di un sommergibile: ogni sensore invia nell’etere impulsi ad ultrasuoni e ne rileva successivamente l’eco di ritorno. Il tempo trascorso tra l’invio di un impulso e la ricezione della eco relativa, indica la distanza rilevata, resa nota attraverso un messaggio vocale.Il sistema, di poco ingombro, è composto da un Pc portatile e da sei “scatoline parlanti” totalmente indipendenti tra loro e posizionate intorno al perimetro del campo recintato per il dressage (ogni scatolina ha un raggio d’azione di circa 30 gradi per una distanza massima di 6 metri). Pensata e realizzata nell’arco di circa 7 mesi, la Chatter Box è un prototipo funzionante che già permette a ipovedenti e non vedenti di effettuare correttamente e in totale autonomia le tecniche equestri di dressage in campo agonistico e non. Una volta ultimata la fase di testing, lo stesso dispositivo potrà trovare impiego, con le opportune modifiche, anche in altre discipline sportive per ipovedenti e non vedenti.

UN’OPPORTUNITA’ PER I NON VEDENTI. “Anche per chi non vede l’equitazione può diventare un’opportunità per vivere insieme agli altri momenti di sano divertimento – ha detto Quatraro –. Quando a tutto questo si aggiunge la tecnologia, che riesce a dare informazioni in tempo reale al cavaliere sulla direzione da seguire, rendendolo così più autonomo, alla gioia del rapporto con l’animale si aggiunge il gusto intrigante del fare da sé. Insomma, quel senso di leggerezza che si prova quando siamo in condizione di decidere liberamente, senza il patema d’animo di dipendere dall’aiuto esterno”.

RINGRAZIAMENTI. “Siamo orgogliosi di questo progetto – ha sottolineato il vicesindaco Dario Nardella – che rappresenta un importante supporto per i non vedenti che vogliono praticare sport, in questo caso l’equitazione. Un progetto di straordinaria qualità dal grande valore educativo, formativo e delle relazioni umane. L’auspicio è che l’attività del Centro Equestre Fiorentino, che opera su un’area in concessione dal Comune di Firenze, possa trarre beneficio e assicuro fin d’ora l’impegno dell’Amministrazione per quello che ci compete. Mi complimento con l’inventore e ringrazio la So.Co.Ta. che ha finanziato il progetto”.

Ultime notizie