Abbonamento annuale Ataf senza rincari per chi ha redditi bassi e per gli studenti, se residenti nel Comune di Firenze. Palazzo Vecchio ha stanziato un milione di euro per congelare gli aumenti previsti sui bus dalla Regione Toscana, mentre altri Comuni della cintura metropolitana, come Campi Bisenzio, Lastra a Signa e Scandicci, stanno pensando a misure analoghe dedicate agli studenti.

Attenzione però: in questi mesi bisognerà comprare l’abbonamento annuale a prezzo pieno, poi sarà necessario, dal primo settembre in poi, presentare domanda per il rimborso della differenza ad Ataf presentando un modulo e la certificazione Isee. Dal 2019 lo sconto sarà praticato direttamente sull’abbonamento annuale.

Chi ha diritto allo “sconto” sull’abbonamento

Ecco chi può chiedere il rimborso. I residenti a Firenze con un reddito Isee inferiore ai 12.500 euro che hanno acquistato un abbonamento annuale ordinario Isee al prezzo di 260 euro, grazie al rimborso del Comune, continueranno a pagare 150 euro come con il “vecchio” abbonamento ordinario basic che dal primo luglio 2018 non esiste più.

Buone notizie anche per gli studenti, sempre residenti a Firenze. Quelli con un Isee tra i 12.500 e i 36.000 euro potranno comprare l’abbonamento annuale Isee per studenti e chiedere il rimborso (il prezzo pieno è 200 euro, ma il Comune restituisce indietro 15 euro per arrivare al “vecchio” costo di 185 euro), stessa procedura per gli studenti con un Isee superiore a 36.000 euro (comprano un abbonamento annuale studenti a 252 euro e possono chiedere il rimborso di 67 euro, per arrivare sempre a 185 euro l'anno).

Per quanto riguarda gli studenti dell'Università di Firenze potranno viaggiare gratis, dal primo novembre 2018 per dodici mesi, su bus e tram cittadini pagando un contributo una tantum di 48 euro insieme alle tasse universitarie.

Come chiedere il rimborso ad Ataf

È possibile farlo dal primo settembre 2019, dopo aver acquistato uno dei 3 abbonamenti annuali (ordinario Isee, studenti Isee e studenti), caricati sulla Carta Unica, la carta elettronica obbligatoria da aprile 2018 per questo tipo di titoli di viaggio. È necessario, come detto, essere residenti nel Comune di Firenze e aver presentato la dichiarazione Isee.

Il rimborso potrà essere chiesto online sul sito del Comune  o su quello di Ataf, utilizzando le credenziali Spid o quelle rilasciate da Palazzo Vecchio (a questo indirizzo è possibile fare richiesta delle credenziali al Comune di Firenze).

Abbonamento bus Firenze Ataf rincari - come chiedere il rimborso

Due le modalità di riscossione del “bonus bus”: con bonifico bancario o direttamente agli sportelli della Cassa di Risparmio di Firenze. Chi non vuole dotarsi di credenziali online può scaricare il modulo, stamparlo, compilarlo, firmarlo e poi scannerizzarlo per l’invio via mail insieme alla copia di un documento di identità. In quest’ultimo caso il rimboso potrà essere ritirato solo agli sportelli della Cassa di Risparmio di Firenze e serviranno almeno tre mesi  per vederlo arrivare.