martedì, 24 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Come ''vedono'' i non vedenti:...

Come ”vedono” i non vedenti: lo spiega una ricerca pisana

Qual è la rappresentazione degli oggetti dei non vedenti? Come “vedono” cose concrete come ad esempio una mela o un’automobile? Sono solo alcune domande alla base della ricerca portata avanti dall'università di Pisa e presentata nel fine settimana.

-

“Il nostro cervello non ha bisogno degli occhi per vedere il mondo”: ecco cosa hanno scoperto all’università di Pisa.

LA CONFERENZA. Venerdì 5 e sabato 6 si svolgerà a Pisa una conferenza internazionale per approfondire le rappresentazioni semantiche dei non vedenti. Secondo i risultati di una ricerca le rappresentazioni mentali degli oggetti e dello spazio delle persone non vedenti dalla nascita sono molto simili a quelle delle persone vedenti. Se ne discuterà nell’aula magna di scienze (Largo Bruno Pontecorvo, via Buonarroti 4) alla presenza dei massimi esperti in campo internazionale nei settori della semantica, della psicologia cognitiva e della neurofisiologia applicata ai non vedenti.

LA RICERCA. Nel corso dell’evento saranno presentati anche i risultati di un progetto di ricerca finanziato dal Miur e di cui il responsabile scientifico è Giovanna Marotta, la quale ha detto: “I risultati che abbiamo ottenuto dalla nostra ricerca condotta su un gruppo di ciechi congeniti hanno confermato che la rappresentazione mentale degli oggetti e dello spazio negli individui non vedenti dalla nascita è molto simile a quella dei soggetti vedenti, il che rafforza l’ipotesi che a livello cerebrale le rappresentazioni mentali siano simboliche, nella misura in cui superano e trascendono dalle nostre percezioni sensoriali; paradossalmente, potremmo dire che il nostro cervello non ha bisogno degli occhi per vedere e conoscere il mondo come le persone che ci circondano”.

IL PROGETTO. La ricerca della professoressa Marotta è stata condotta in collaborazione con l’équipe del professor Pietro Pietrini della facoltà di medicina dell’università di Pisa, che da anni è impegnato nello studio delle strutture neuro-cognitive delle persone non vedenti. Sono state necessarie metodologie fortemente interdisciplinari, comprendenti sia analisi linguistiche e psicolinguistiche che neuro-cognitive.

TAVOLA ROTONDA. Alla fine del convegno verrà fatta anche una tavola rotonda dedicata alla vita sociale dei non vedenti. Si metteranno in evidenza le difficoltà che possono incontrare i non vedenti a livello di mobilità nelle realtà urbane di oggi.

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: crescono casi e morti per coronavirus

I dati del 23 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Natale 2020, 10 idee regalo a km 0 da ordinare online

La guida de Il Reporter per scegliere i 10 regali a km zero da comprare online per il Natale 2020

Decreto Ristori ter, quando il testo definitivo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Nuove risorse per il contributo a fondo perduto in favore delle attività chiuse e buoni spesa per le famiglie in difficoltà: il testo del "decreto ristori ter" presto in Gazzetta Ufficiale

Cosa succederà dopo il 3 dicembre con il nuovo Dpcm di Natale

Governo al lavoro sul nuovo decreto anti-Covid: spostamenti tra regioni, coprifuoco, impianti sciistici, apertura dei ristoranti la sera e feste in casa. Le ipotesi sul tavolo