giovedì, 21 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & Politica''Con un gelato regali un...

”Con un gelato regali un sorriso”, l’iniziativa per aiutare i bimbi malati

Torna il 16 giugno, in tutta la Toscana, la giornata del gelato, l'iniziativa di Ant per sostenere il programma di assistenza domiciliare gratuita rivolta in particolare ai piccoli malati di tumore. Oltre 90 gelaterie toscane aderiscono alla manifestazione.

-

 

Torna il 16 giugno, in tutta la Toscana, la giornata del gelato, l’iniziativa di Ant per sostenere il programma di assistenza domiciliare gratuita rivolta in particolare ai piccoli malati di tumore.

CON UN GELATO REGALI UN SORRISO. ”Con un gelato regali un sorriso” è lo slogan scelto da Ant per la manifestazione giunta alla sesta edizione, grazie al sostegno di Pernigotti e con la collaborazione di Confcommercio, Confartigianato, Cna e Confesercenti Toscane e gode del Patrocinio e del pieno sostegno della Regione Toscana. Quest’anno saranno coinvolti, come per le scorse edizioni, i gelatai di Firenze e delle province toscane che nella giornata del gelato (16 giugno), sosterranno il programma di assistenza domiciliare gratuita rivolta in particolare ai piccoli sofferenti di tumore, denominato ”Bimbi Ant”. Le oltre 90 gelaterie toscane che parteciperanno alla manifestazione devolveranno ad Ant una percentuale dell’incasso della giornata e saranno facilmente riconoscibili dalla locandina simbolo dell’iniziativa.

I FONDI. Chi si recherà nelle gelaterie aderenti, compierà un gesto di grande valore aiutando la Fondazione Ant, come sottolineato dalla Dott.ssa Pellegrini, medico-caporeparto dell’Ospedale Domiciliare Oncologico Ant di Firenze-Prato-Pistoia. “Nel 2011 “Con un Gelato regali un Sorriso” ha portato alla Fondazione Ant oltre 8.000 euro. Siamo fiduciosi di poter raccogliere anche quest’anno i fondi necessari per continuare ed ampliare il nostro intervento sul territorio toscano. La sinergia fra i gelatai, le associazioni di categoria, la Regione Toscana e la nostra Fondazione ci permette di far conoscere sempre di più il grande lavoro che gli operatori sanitari ANT svolgono ogni giorno, non solo per gli adulti ma anche per i pazienti più piccoli”.

Ultime notizie