martedì, 7 Febbraio 2023
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaIl congresso dello Spi Cgil...

Il congresso dello Spi Cgil Toscana a Livorno

Appuntamento conclusivo al Teatro Goldoni di Livorno, dopo 587 assemblee che hanno coinvolto 17mila partecipanti

-

- Pubblicità -

Arriva alla tappa finale del 12esimo congresso dello Spi Toscana, il sindacato dei pensionati Cgil: il 18 e il 19 gennaio 2023 l’appuntamento è al Teatro Goldoni di Livorno. L’evento si svolge dopo 587 assemblee tenute tutti i territori toscani, con oltre 17mila partecipanti. Infrastrutture, sanità territoriale, inclusione digitale, sostenibilità ambientale, la sfida per una maggiore autonomia energetica: sono i temi al centro della due giorni.

Il programma del congresso dello Spi Cgil Toscana

Secondo il segretario generale dello Spi Cgil Toscana Alessio Gramolati negli ultimi due anni “siamo passati dal frullatore: la pandemia, la crisi economica, le pratiche sanitarie e le vaccinazioni per fare scudo, l’aggressione all’Ucraina, la guerra, le frane, la debolezza dei nostri territori di fronte al clima impazzito. Quello che abbiamo di fronte – dice – è un tempo in cui molto di quello che avevamo appare cancellato, per noi e per quelli che verranno a seguire. Ma non è finita, è solo un’altra storia: un tempo in cui c’è molto da imparare e a cui offrire tutta la pazienza e tutta la speranza di cui siamo capaci”.

- Pubblicità -

I lavori del congresso dello Spi Cgil Toscana si apriranno mercoledì 18 gennaio alle ore 9.30 con la performance del compositore e contrabbassista Paolo Damiani che interpreterà “L’internazionale”, l’inno dei lavoratori già eseguito in passato da celebri artisti come Arturo Toscanini o gli Area. Durante la mattinata poi parola ai tanti ospiti tra cui il sindaco di Livorno Luca Salvetti, Matteo Biffoni, sindaco di Prato e presidente Anci Toscana, Paolo Hendel, la storica Simonetta Soldani e la professoressa associata Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa Milena Vainieri. Nel pomeriggio, alle ore 17, ci sarà l’intervento della segretaria generale della Cgil Toscana Dalida Angelini.

I temi cari ai pensionati Cgil

“Dobbiamo essere sindacalisti di comunità, animatori sociali. La cura deve essere un diritto, non una procedura tirata come un elastico – sostiene Gramolati, che nella mattinata del 18 gennaio esporrà la sua relazione -. La mobilità deve essere un diritto, e per questo dobbiamo attivarci e impegnarci al massimo perché il servizio sia garantito e non costi. E poi il contrasto all’inflazione. Quelli che una volta si consideravano il ceto medio ora scorrono verso il basso e in assenza di una corposa azione sindacale scivolano verso il baratro del tutti contro tutti”. Il congresso potrà essere seguito in diretta video anche su spicgiltoscana.it.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -