sabato, 26 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Consiglio regionale a emissioni zero

Consiglio regionale a emissioni zero

-

“La Toscana in questo si è contraddistinta – afferma Alessandro Starnini (nella foto), vicepresidente del consiglio regionale – poiché è la prima regione in Italia che affronta concretamente questa necessità, sia in termini di risparmio, efficienza e rispetto degli impegni assunti a livello europeo. E’ anche per questo che speriamo sia di buon esempio ad altri enti pubblici”.

“Non è ammissibile – aggiunge Starnini – che gli edifici Panciatici e Covoni, così vicini al centro di Firenze, producano alti livelli di anidride carbonica. Ed è per questo che oltre all’installazione di pale eoliche, la Regione sta progettando anche un sistema di rinnovamento delle proprie strutture per il riscaldamento e il condizionamento dei due edifici attraverso pompe di calore. Potremmo parlare di una vera e propria rivoluzione”. “Questo – conclude Starnini – è l’obiettivo che la Regione toscana si è prefissa”.

“Il progetto – spiega Sergio Chiacchella, direttore generale Co.Svi.G. (Consorzio Sviluppo Geotermico) – prevede l’installazione di cinque pale eoliche e produrrà energia per circa tredici mila abitanti. Risultato: le emissioni di anidride carbonica scenderanno di dodici mila tonnellate”. L’eliminazione degli sprechi energetici, nessuna emissione nel centro di Firenze e l’ottimizzazione dei consumi sono, quindi, gli obiettivi principali del progetto regionale che stima un investimento iniziale di circa tre milioni di euro e che dovrebbe prendere vita nei primi mesi del 2009.

 

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Spid, cos’è e come richiedere il “codice” per i bonus di Inps e governo

Un solo nome utente e una sola password per accedere a tutti i siti: da quelli statali alle Regioni fino ai servizi comunali. Ecco la procedura per richiedere le credenziali uniche

Pin Inps addio: dal 1° ottobre serve lo Spid per richiedere i servizi online

Un piccola rivoluzione per l'accesso al portale dell'Istituto di previdenza: non si potrà più richiedere il Pin