martedì, 19 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica In Toscana test sierologici (gratis)...

In Toscana test sierologici (gratis) nei luoghi della movida, ecco dove

In 9 località di mare e a Firenze arrivano gazebo dove poter fare in modo volontario le analisi degli anticorpi: ecco dove e quando

-

La prevenzione del Covid fa le ore piccole. Durante le notti dei weekend d’estate, a Firenze e in 9 località di mare della Toscana, quelle più gettonate dalla movida, sarà possibile sottoporsi gratuitamente a test sierologici per il coronavirus. La campagna di prevenzione, chiamata “Movida si…cura”, è stata lanciata dalla Regione per portare avanti uno screening (volontario) nei luoghi della vita notturna, lì dov’è più difficile seguire le precauzioni anti-Covid.

Si parte il 25 luglio nel cuore dell’Oltrarno fiorentino, piazza Santo Spirito, per poi estendere l’iniziativa una settimana dopo alla costa toscana, dalla Versilia alla Maremma, da Viareggio a Follonica, da Marina di Carrara a Cecina. L’idea era stata lanciata nei giorni scorsi dal governatore Enrico Rossi, proprio per tenere sotto controllo la diffusione del coronavirus lì dove è più alto il rischio che si sviluppino piccoli focolai, come nei locali notturni, negli spazi estivi e in strade, parchi e piazze frequentati al calar della sera da giovani e meno giovani.

Movida, test sierologici gratis a Firenze e nelle località di mare della Toscana: come funzionano

In 10 città toscane, il venerdì e il sabato, dalle ore 22.00 alle 2.00 del mattino, saranno allestiti gazebo e posizionati i mezzi mobili di Misericordie, Croce Rossa e Anpas a cui rivolgersi per fare gratis e in modo volontario il test sierologico, che rileva l’eventuale presenza degli anticorpi sviluppati a seguito dell’esposizione al coronavirus. In caso di esito positivo, sarà necessario sottoporsi al tampone (il test molecolare che indica se l’infezione è ancora in corso o no) chiamando il numero verde della Regione Toscana 800.556.060.

Sempre in questi punti informativi sarà possibile avere tutte le delucidazioni sulla prevenzione del coronavirus, trovare mascherine e gel, oltre a poter effettuare gratuitamente (e sempre in modo volontario) l’alcool test.

Dove fare i test per il Covid in Toscana (di notte)

A Firenze, il gazebo del progetto “Movida si…cura” è presente in piazza Santo Spirito dal 25 luglio al 26 settembre, tutti i venerdì e i sabati, dalle ore 22 alle 2 del mattino. Dal 31 luglio al 26 settembre i punti dove fare gratuitamente i test sierologici per il coronavirus arrivano anche in 9 località di mare della Toscana, sempre venerdì e sabato dalle 22 alle 2, ecco l’elenco completo:

  • Castiglione della Pescaia (piazza Garibaldi, angolo via della Fonte – via Palestro)
  • Cecina (piazza dei Tirreni)
  • Follonica (passeggiata)
  • Forte dei Marmi
  • Lido di Camaiore
  • Livorno (Terrazza Mascagni)
  • Marina di Carrara
  • Marina di Pisa (piazza Gorgona)
  • Viareggio

Tutte le informazioni sulla prevenzione del coronavirus sul sito della Regione Toscana.

Ultime notizie

Musei di Firenze aperti (anche gratis): nuovi orari 2021, dagli Uffizi a Boboli

L'apertura dei musei di Firenze dopo lo stop per il Covid: i nuovi orari per la zona gialla e tutti i luoghi d'arte aperti, dalle Gallerie degli Uffizi ai musei civici

In zona gialla si può uscire dal comune, non dalla regione: le regole

Sì agli spostamenti fuori comune, ma non si può uscire dalla regione: le regole per la zona gialla e le eccezioni per gli spostamenti verso le seconde case e per andare a fare visita a parenti, fidanzati e amici

A che ora parla Conte al Senato e quando è il voto di fiducia: la diretta

Conte parla due volte al Senato, poi il voto: a che ora si saprà se il governo avrà avuto la fiducia e tutti gli orari per seguire in diretta tv e streaming questa lunga giornata

Henry Moore, a Firenze 50 anni dopo. Il ricordo di Antonio Natali

Era il 1972, per la prima volta il Forte Belvedere ospitava una grande mostra d’arte contemporanea. Oggi le opere del celebre artista inglese tornano in città: “Ma non siamo cambiati per niente”. Il racconto dell’ex direttore degli Uffizi