venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaCosta Concordia, attese nuove prove...

Costa Concordia, attese nuove prove utili alle indagini

E' stato svuotato il secondo serbatoio della Concordia, naufragata davanti all'Isola del Giglio lo scorso 13 gennaio. Stamani è stato interrogato l'ad di Costa, Pierluigi Foschi, come persona informata sui fatti. E i pm hanno esaminato il video 'choc' girato in plancia di comando.

-

E’ terminato questa mattina lo svuotamento del secondo serbatoio della Costa Concordia. A riferirlo, l’ammiraglio della Capitaneria di porto di Livorno, Ilarione dell’Anna. Il serbatoio conteneva 410metri cubi di carburante ed è stato svuotato alla velocità di 8metri cubi all’ora. L’operazione di defueling per il terzo serbatoio è già stata avviata. ”Se le condizioni meteo-marine rimarranno buone come in questi giorni – ha detto Dell’Anna – nell’arco di 3-4 giorni saranno completate le operazioni di svuotamento dei primi 6 serbatoi della Costa Concordia”.

L’INTERROGATORIO. Da questa mattina, è in corso presso la caserma dei carabinieri di Grosseto, l’interrogatorio dell’ad di Costa Crociere, Pierluigi Foschi, sentito come persona informata sui fatti. Oltre agli aspetti organizzativi interni di Costa, all’attenzione degli investigatori ci sono anche le questioni relative alla rotta tenuta dalla Concordia, soprattutto rispetto all’inchino davanti al Giglio. All’attenzione anche i tempi e le modalità di allarme generale e all’ordine di abbandono della nave dopo l’urto contro gli scogli de ‘Le Scole’ e le avarie che ne seguirono.

AVVOCATO USA. ”Questa tragedia era assolutamente evitabile”, ha affermato l’avvocato Robert Clifford, senior partner dello studio legale ‘Clifford Lae Office’, uno dei più importanti negli Usa nel settore della navigazione. Clifford, con l’avvocato Pietro Ilardi, difende diversi passeggeri della Concordia.Nei prossimi giorni Ilardi e il collega Francesco Compagna consegneranno ai pm di Grosseto ”ulteriori elementi di prova in merito alla sconsiderata consuetudine dei passaggi ravvicinati presso l’isola’

IL SOPRALLUOGO DELLA COMMISSIONE AMBIENTE. Mercoledì 15 febbraio, la commissione regionale raggiungerà l’Isola del Giglio e alle 10.45, i consiglieri incontreranno il sindaco Sergio Ortelli e successivamente effettueranno un sopralluogo nei pressi del pontone dove si stanno svolgendo le operazioni di defueling. Al sopralluogo saranno guidati dai rappresentanti della ditta F.lli Neri Smit che si occupa del recupero del carburante e dall’ingegner Marcello Mossa Verre di Arpat. Alle 12, nella sala operativa dei vigili del fuoco, la commissione ascolterà in audizione il sindaco del Giglio; l’ingegner Ennio Aquilino dei Vigili del Fuoco, direttore tecnico di tutte le operazioni; la Protezione Civile Nazionale; la Capitaneria di Porto; Giovanni Barca e Marcello Mossa Verre di Arpat; il presidente del Parco dell’Arcipelago, Angelo Banfi; Sandro Moretti e Riccardo Fanti del Dipartimento di Scienze della Terra, centro di competenza del Dipartimento della Protezione Civile.

IL VIDEO CHOC. I pm della procura di Grosseto hanno esaminato ieri, per alcune ore il video girato in plancia di comando in cui si vedono le immagini della nave durante le fasi del naufragio. Secondo quanto appreso, sarebbero emersi nuovi elementi che verranno inseriti nelle indagini.

Ultime notizie