giovedì, 20 Gennaio 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaCovid: in Toscana in arrivo...

Covid: in Toscana in arrivo 64mila sms per tracciamento e fine isolamento

Circa 64mila toscani positivi al Covid non ancora tracciati riceveranno un sms con un link per comunicare il proprio stato di salute

-

Da mercoledì 5 gennaio, circa 64mila positivi toscani al Covid non ancora tracciati riceveranno un sms contenente un link a cui collegarsi per comunicare il proprio stato di salute. È una delle novità annunciate presidente della Regione Toscana Eugenio Giani per velocizzare il tracciamento e l’uscita dall’isolamento. Vediamo quali sono nel dettaglio tutte le nuove azioni annunciate dal presidente della Regione per fronteggiare l’emergenza sanitaria in corso, che fanno seguito a quelle già intraprese nei giorni scorsi.

Sms in arrivo per i positivi al Covid non tracciati

La Regione Toscana interviene per semplificare la gestione di ingressi e uscite dall’isolamento in seguito a contagio da Covid. Sono circa 64mila secondo quanto annunciato dalla Regione i toscani positivi al Covid non ancora tracciati che a partire dal 5 gennaio riceveranno un sms contenente un link a cui collegarsi. Accedendo al link potranno comunicare il proprio stato di salute, rispondendo a 4 domande. La fine dell’isolamento sarà poi comunicata in automatico tramite email.

Più tamponi gratuiti con prescrizione medica

Il presidente della Regione Toscana annuncia anche un aumento dei tamponi antigenici rapidi e dei test molecolari (fino a 50mila al giorno) offerti gratuitamente dal sistema pubblico alle persone con prescrizione medica. 



Per prenotare il tampone basterà inserire il codice di riferimento della prescrizione medica sul portale “prenota tampone” e automaticamente il sistema indicherà le opzioni di prenotazione, a seconda che il cittadino sia sintomatico o asintomatico.

 Per velocizzare l’esecuzione del tampone antigenico saranno messi a disposizione più canali: farmacie con percorsi preferenziali riservati alle persone con prescrizione medica; ambulatori del proprio medico o pediatra di famiglia; sedi del volontariato accreditato.

Le altre azioni della Regione per fronteggiare l’emergenza Covid

La Regione Toscana ha annunciato anche altre azioni mirate a fronteggiare la pandemia: il potenziamento degli hub aziendali per la somministrazione delle terze dosi, l’incremento delle strutture intermedie di cura per allentare la pressione sugli ospedali ed un aumento dello smart working nella pubblica amministrazione almeno fino al 31 gennaio, per contrastare la diffusione del virus.

Intanto, in Toscana, al Meyer, sono arrivate 1.440 pillole Merck, le prime dosi dell’antivirale per il trattamento del Covid.

Ultime notizie