Un ragazzo di 13 anni di Latina è stato operato nella notte di sabato nel reparto di chirurgia e microchirurgia della mano del CTO di Careggi. Il giovane si era ferito gravemente ad un braccio e alla mano con un attrezzo agricolo ed è stato portato al centro del CTO perché era l’unico disponibile fra quelli tecnicamente attrezzati ad accogliere il piccolo paziente.

Il ragazzo è stato portato nel reparto fiorentino diretto dal dottor Massimo Ceruso e l’intervento è stato eseguito dal dottor Prospero Bigazzi. “In questi casi – precisa Ceruso – è fondamentale intervenire tempestivamente dal momento dell’incidente per intraprendere le complesse procedure per salvare l’arto lesionato e la disponibilità del personale sanitario resta sostanziale nel trattamento dell’urgenza”.

Il ragazzo è arrivato a Firenze dopo che a Latina erano state stabilizzate le fratture che si era procurato con l’incidente. Il coordinamento fra i centri ospedalieri di riferimento, gestito dalla Società Italiana di chirurgia della mano, che ha allestito un numero verde nazionale per lo smistamento dei pazienti, ha permesso che il trasferimento avvenisse senza problemi. Il CTO di Careggi conferma così il suo ruolo di prim’ordine nell’efficienza e nell’organizzazione.

Attualmente le condizioni del tredicenne sono discrete, ma nei prossimi giorni dovrà affrontare altri interventi per la ricostruzione della mano.