domenica, 24 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaDa Nadia Urbinati a Bobo...

Da Nadia Urbinati a Bobo Rondelli, la seconda giornata del Quanto Basta

Sarà una seconda giornata con un programma ricco di grandi nomi e incontri, quella del Quanto Basta, il festival che fino al 9 giugno a Piombino, rifletterà sui cambiamenti, sulle prospettive e sullo stato di salute dell'universo sostenibile nel nostro Paese.

-

Sarà una seconda giornata con un programma ricco di grandi nomi e incontri, quella del Quanto Basta, il festival che fino al 9 giugno a Piombino, rifletterà sui cambiamenti, sulle prospettive e sullo stato di salute dell’universo sostenibile nel nostro Paese.

DAL RICICLO AL TERRITORIO. La seconda giornata del Quanto Basta festival, inizierà di buon mattino. Il primo appuntamento è fissato per le 9 nello spazio allestito in piazza Gramsci, dove verranno esposti i lavori sul tema “Riuso e riciclo: dalla progettazione alla realizzazione” creati dagli studenti della scuola media Venturina sotto la supervisione dei professionisti di Asiu. Alle 9:30, al Rivellino, sarà la volta della tavola rotonda dal titolo “Quale modello di sviluppo per una gestione responsabile del territorio” che vedrà protagonista l’assessore regionale all’urbanistica Anna Marson, Mariella Zoppi dell’università di Firenze, Nicola Bellini dell’Istituto Sant’Anna di Pisa e il presidente dell’Istituto Nazionale di urbanistica Federico Oliva, il tutto coordinato dal presidente di Legambiente Toscana Fausto Ferruzza. Spazio allo svago alle 11:30 con lo spettacolo “La voce della terra”, messo in scena dagli studenti della Scuola media venturina con la collaborazione di Asiu (in piazza Gramsci).

NADIA URBINATI. Stesso orario (11.30) ma luogo diverso per “Democrazia, cultura e comunità”, incontro al Rivellino coordinato da Alberto Pirni dell’Istituto Superiore Sant’Anna di Pisa che vedrà partecipare Maurizio Ambrosini dell’Università di Milano, Elena Pulcini dell’Università di Firenze e la politologa della Columbia University di New York Nadia Urbinati. Chi non riuscirà ad assistere al dibattito del Rivellino, potrà ascoltare Nadia Urbinati alla lezione magistrale che terrà alle 16 al Castello (introdotta da Stefano Beccastrini).

NEL POMERIGGIO. Segue a ruota, alle 17 e alle 17:45, il momento dedicato all’enogastronomia “Un racconto moderno per una storia antica: la cinta senese. La merenda di una volta. Conoscere e gustare le confetture dei frutti locali” curata dall’associazione Val di Cornia bio. Il sindaco Gianni Anselmi, parteciperà alla tavola rotonda “Processi di riconversione economica: Piombino cambia” (alle 17 al Rivellino) coordinata da Roberto Franzini dell’Istituto Sant’Anna di Pisa insieme a Gianfranco Simoncini, assessore regionale alle attività produttive, ad Alessio Gramolati, segretario Cgil Toscana a Fulvio Murzi, presidente di Asiu e a Fabrizio Fabrizi, responsabile per solare termico Enea. Intermezzo musicale alle 18 (in piazza Gramsci) con un concerto di violini curato da Etruria Classica mentre alle 18:30 sarà la volta dell’incontro con il presidente Inbar della sezione di Livorno e arcipelago toscano Massimiliano Pardi, sul tema “Energia solare per le isole minori”.

BOBO RONDELLI. Gli appassionati di cinema potranno ritrovarsi alle 21:30 al Rivellino per il primo appuntamento con i lungometraggi d’autore: “Le mani sulla città” di Francesco Rosi. Alla stessa ora ma in piazza Bovio, si esibirà invece lo chansonnier livornese Bobo Rondelli, per una tappa del suo “L’ora dell’ormai tour”. Tutte le lectio magistralis del festival verranno trasmesse in diretta streaming su www.intoscana.it.

Leggi anche: Torna ”Quanto Basta”, il festival dell’economia ecologicaDa Bobo Rondelli a Marc Augè: l’economia ecologica passa da Piombino

Ultime notizie