giovedì, 21 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Dai 'macaroni' al 'finocchiono': agricoltori...

Dai ‘macaroni’ al ‘finocchiono’: agricoltori contro i prodotti falsi

Dai "macaroni" prodotti in Romania, al salame "toscano" fatto negli States e ancora il "Chianti" prodotto tra le verdi vigne della California, ma anche il "finocchiono" e al finto olio extravergine: il presidio di Coldiretti contro il falso made in Tuscany.

-

Erano più di mille gli agricoltori che stamattina si sono presentati davanti alla sede del Consiglio regionale della Toscana, per un presidio contro i falsi prodotti made in Tuscany. Dai “macaroni” prodotti in Romania, al salame “toscano” ma fatto negli States e ancora il “Chianti” prodotto tra le verdi vigne della California, ma anche il “finocchiono” e l’olio extravergine che poi si scopre essere prodotto con olive comunitarie. Sono questi alcuni degli esempi di contraffazione mostrati stamattina al “Salone degli inganni made in Tuscany”.

 

CERTIFICAZIONE MOLECOLARE. “Certificazione molecolare sulla frutta e la verdura prodotta in Toscana. Per dimostrare che la produzione da filiera corta non solo è più buona, ma fa anche bene.” Questo l’annuncio dell’assessore regionale all’agricoltura, Gianni Salvadori, che stamani è intervenuto alla manifestazione promossa da Coldiretti per la difesa del “made inTuscany” dalla contraffazione dei prodotti agroalimentari.

FILIERA CORTA: PIU’ BUONA E PIU’ SALUTARE. Dopo l’intervento in strada, fra le centinaia di coltivatori convenuti da tutta la Toscana in via Cavour a Firenze, Salvadori ha partecipato alla conferenza tenuta nella sala del Gonfalone del Consiglio Regionale, dove era stata allestita una mostra di prodotti agroalimentari “tuscan sounding”. “Stiamo lavorando alla certificazione molecolare – ha detto – per ora siamo partiti in maniera sperimentale sulla frutta e la vedura toscane che vengono distribuite da qualche settimana, grazie al protocollo d’intesa che abbiamo siglato,nell’ospedale Cisanello di Pisa, in quello di Lucca e a Livorno. Speriamo di avere risultati per fine settembre. Vogliamo dimostrare che la produzione da filiera corta non solo è più buona, ma fa anche benealla salute”.

L’APPOGGIO A COLDIRETTI. Salvadori ha inoltre ribadito l’appoggio della Regione a Coldiretti ea quanti si battono per la difesa della produzione toscana e per lasalvaguardia della tracciabilità ed ha ringraziato le forze dell’ordineche operano i controlli e intervengono a stroncare le frodi alimentari.“Le istituzioni – ha detto – saranno al loro fianco in questa battagliache noi vogliamo vincere. E questo sarà anche il nostro contributo per battere la crisi.”

Ultime notizie

Posso tornare a casa dopo le 22? Le regole del Dpcm per il rientro nell’abitazione

Quando è consentito il rientro alla propria abitazione durante il coprifuoco: dopo una cena da amici si può tornare a casa, anche se sono passate le 22 o si rischia una multa?

Decreto ristori 5: quando esce il testo e quando arriva in Gazzetta Ufficiale

Dal bonus per lo sport al superamento dei codici Ateco per il contributo a fondo perduto: quando esce il testo del decreto ristori 5, il primo (e forse l'unico) provvedimento economico Covid che arriva nel 2021

Zona arancione e rossa, visite ai congiunti: si può andare fuori comune?

Si possono vedere i congiunti che abitano in Comuni diversi, se ci si trova in zona arancione o rossa? Le regole per gli spostamenti e le deroghe introdotte dal decreto Covid di gennaio 2021

Toscana, zona gialla fino a quando: rischio arancione nel weekend?

Fino a quando i dati sui contagi saranno sotto controllo, la Toscana resterà in zona gialla e non passerà in arancione: la conferma o meno del colore arriverà alle porte del fine settimana