giovedì, 3 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Dalla massoneria alle banche, le...

Dalla massoneria alle banche, le teorie del complotto sulla nave naufragata

La massoneria, le banche, il governo e i progetti per un Nuovo Ordine Mondiale. Ci sarebbe tutto questo dietro il naufragio della nave Costa Concordia, secondo i complottisti di casa nostra. Le teorie del complotto hanno cominciato a diffondersi sul web già il giorno dopo la tragedia per sottolineare le presunte ''coincidenze inquietanti'' dell'incidente.

-

La massoneria, le banche, il governo e i progetti per un Nuovo Ordine Mondiale. Ci sarebbe tutto questo dietro il naufragio della nave Costa Concordia, secondo i complottisti di casa nostra. Le teorie del complotto hanno cominciato a diffondersi sul web già il giorno dopo la tragedia per sottolineare le presunte “coincidenze inquietanti” dell’incidente.

ECONOMIA. Come quelle con la difficile situazione economica e politica che sta vivendo l’Europa. “Il nome Concordia – si legge in un messaggio che in queste ore sta girando via email, sui blog e sui social network – fa riferimento all’unità e alla pace fra le nazioni europee. I suoi tredici (numero ricorrente nella simbologia massonica e illuminata) ponti hanno i nomi di altrettanti stati europei (Olanda, Svezia, Belgio, Grecia, Italia, Gran Bretagna, Irlanda, Portogallo, Francia, Germania, Spagna, Austria e Polonia)”. E la nave, fanno notare i teorici del complotto, si è incagliata proprio nel giorno in cui l’agenzia Standard & Poor’s ha abbassato il rating a molti Paesi europei, “affondando” i titoli di Stato di mezza Europa. Conclusione: “affondare la nave dedicata all’Europa per poi affondare l’Europa grazie all’attuale crisi creata a tavolino dalle banche”.

IL GIGLIO. Ancora: la Concordia si è incagliata davanti all’Isola del Giglio e “il giglio è uno dei simboli più utilizzati dai Rosa Croce (potente ordine massonico) per firmare i propri delitti”. E il giorno dopo l’incidente il premier Mario Monti – definito dai complottisti “noto massone e burattino del vero potere” per la sua partecipazione al gruppo Bilderberg e alla commissione Trilaterale – “ha regalato al Papa (altro burattino) un facsimile degli ‘Atlanti nautici’ del 1500 di Francesco Ghisolfo. L’antico codice contiene carte nautiche con le rotte oceaniche verso il nuovo mondo, oltre a quelle più note e battute dell’oriente e del Mediterraneo”.

IL TITANIC E VENERDI’ 13. Ma la lista delle “strane coincidenze” denunciate dai complottisti è lunga. Arriva fino al Titanic, affondato la notte tra il 14 e il 15 aprile 1912, “99 anni e 9 mesi” prima del naufragio della nave della Costa Crociere (che in realtà è avvenuto la notte tra il 13 e il 14 gennaio, ma è un dettaglio…). 999:  “se capovolto – si legge su un blog –  diventa 666, numero della bestia tanto caro ai mondialisti luciferini che aspirano ad un Nuovo Ordine Mondiale (ordine che secondo loro si potrà compiere solo dopo l’innesco di un caos globale)”. Anzi, la dietrologia risale la storia fino ai cavalieri Templari. Perché il Concordia è andato a sbattere sugli scogli venerdì 13, data che fa tremare gli scaramantici. E da dove nasce questa scaramanzia? Dal fatto che – si legge nel messaggio che sta girando nel web – “venerdi 13 ottobre 1307 ci fu l’ ‘epurazione’ da parte degli agenti di Filippo IV di Francia dei Cavalieri templari, che vengono considerati da molti ricercatori i precursori della massoneria”.

IL “MESSAGGIO”. Insomma, il naufragio davanti all’isola del Giglio sarebbe un chiaro messaggio all’Italia e all’Europa da parte dei cospiratori per il Nuovo Ordine Mondiale: presto affonderete tutti. Se l’incidente del Concordia non avesse causato morti e non ci fossero persone tuttora disperse, ci sarebbe quasi da ridere. Come qualcuno sul web ha già iniziato a fare, prendendo in giro i complottisti e confutando punto per punto la loro “strana e inquietante” teoria.

”Concordia 13 gennaio”: nasce su Facebook il gruppo dei superstiti

Ultime notizie

Musicability, il crowdfunding per creare un’orchestra inclusiva

Parte la raccolta fondi per finanziare l'Orchestra inclusiva della Toscana, un progetto di formazione musicale mirato a coinvolgere persone con disabilità

La Toscana torna in zona arancione dal 6 dicembre

Domenica 6 dicembre: è questo il giorno in cui la Toscana torna in zona arancione. Una data sospirata e...

Cosa cambia e cosa succede con il nuovo Dpcm dopo il 3 dicembre 2020

Governo al lavoro sul nuovo decreto anti-Covid: spostamenti tra regioni, coprifuoco anticipato, apertura dei ristoranti, palestre e feste in casa. Le anticipazioni e le ipotesi

Spostamenti tra comuni, il nuovo Dpcm di Natale: stop dopo il 3 dicembre

Le regole per le feste natalizie. "Disincentivare gli spostamenti tra regioni e limitare gli spostamenti tra comuni anche in zona gialla", annuncia il ministro della Salute Speranza