venerdì, 26 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Difensore civico, nuovo sito

Difensore civico, nuovo sito

E' stato presentato il nuovo sito internet del difensore civico, consultabile dall'home page del sito del Comune di Firenze. Dal 2001 e fino al 31 dicembre 2008 sono state oltre tremila le istanze presentate al difensore civico.

-

Nuovo look per il sito internet del difenzore civico. Sull’home page, in evidenza, anche le notizie principali in “Primo piano”: per il momento ci sono “Tariffe acqua: agevolazioni alle utenze deboli” e “La proposta dei difensori civici metropolitani per una legge di principio sulla difesa civica in Italia”. Dal 2001 fino al 31 dicembre 2008 sono state oltre 3.000 le istanze presentate al Difensore Civico: nel 2001 (279), 2002 (326), 2003 (347), 2004 (447), 2005 (475), 2006 (441), 2007 (462), 2008 (566).

“Questa è una prima tappa per incrementare la comunicazione ai cittadini sull’attività svolta dal Difensore Civico – ha spiegato Alberto Brasca, che ricopre attualmente l’incarico – è un servizio gratuito riservato sia ai residenti che ai non residenti a Firenze. Quello che facciamo, è un’attività di mediazione e sollecitazione nei confronti della Pubblica Amministrazione; non abbiamo poteri decisionali. Nel corso del 2008 sono stati circa 2400 i cittadini che si sono rivolti al Difensore Civico. Dopo una prima «scrematura» dei casi non di competenza, ne sono stati presi in carico 566. Nella relazione che sarà illustrata al Consiglio Comunale saranno indicati, specificatamente, tutti i singoli casi affrontati e come si sono risolti. È necessaria una maggiore autotutela da parte del Comune, nel correggere errori commessi senza che il cittadino si attivi con un ricorso autonomo”. Le materie nelle quali è stato maggiormente richiesto l’intervento del Difensore Civico sono state: “Interventi alla persona”, “Ambiente e territorio”, “Economia”.

L’intervento del Difensore Civico può essere richiesto telefonando allo 055/2616043, inviando una e-mail a [email protected], andando senza appuntamento presso la sede, palazzo Giandonati Canacci, in piazza della Parte Guelfa, 3 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 e il giovedì anche dalle 15 alle 17, oppure presentando istanza presso le sedi URP del Comune di Firenze. Questo il link al sito: http://www.comune.fi.it/opencms/export/sites/retecivica/amm/garanti/difensore_civico/index.html.

“Il Difensore Civico garantisce l’imparzialità ed il buon andamento della Pubblica Amministrazione, si attiva per eliminare abusi, disfunzioni, carenze e ritardi dell’Amministrazione, sia di propria iniziativa che su istanza di singoli cittadini e di associazioni. Il Difensore civico è promotore di equità e può intervenire presso l’Amministrazione per suggerire, nell’adozione di un atto, la soluzione più conforme nell’interesse del cittadino. Il Difensore Civico esercita inoltre tutte le altre competenze ad esso attribuite dalla legge e dai regolamenti consiliari”. Sono questi i principali compiti assegnati al Difensore Civico, la cui attività è disciplinata dal Regolamento Comunale (negli articoli 85-92). Attualmente, l’incarico è ricoperto da Alberto Brasca nominato dal Consiglio Comunale il 16 luglio 2007, subentrando a Francesco Lococciolo che era stato nominato il 5 febbraio 2001 e ha ricoperto due mandati.

“L’attività del Difensore Civico del Comune di Firenze è particolarmente sostenuta – ha commentato Eros Cruccolini, presidente del Consiglio Comunale – ed attualmente c’è un lavoro in concerto con il Difensore Civico regionale per studiare una nuova legge sulla difesa civica nazionale. Prossimamente sarà anche distribuito ai cittadini un depliant che illustri le attività ed i compiti del Difensore Civico. Sono allo studio anche interventi con le scuole. Abbiamo chiesto un incontro con tutti i direttori generali del Comune per avere più uniformità da parte della Pubblica Amministrazione, nei confronti dei cittadini, prendendo proprio spunto dalle pronunce del Difensore Civico”.

Ultime notizie

Covid Toscana, casi ancora sopra ai 1.200: i dati del 26 febbraio

I dati del bollettino Covid della Toscana del 26 febbraio: casi di coronavirus ancora sopra quota 1200, preoccupazione per la zona rossa

Riapertura palestre, via libera alle lezioni individuali: cosa significa

Il nuovo protocollo del Cts apre alle lezioni individuali per la riapertura delle palestre: quali sono, cosa significa e da quando

Slitta ancora la riapertura delle palestre: oggi si decide fino a quando restano chiuse

Oggi la decisione sulla riapertura delle palestre: almeno un altro mese di chiusura, nel nuovo Dpcm si decide quando riapriranno

Il colore della Toscana la prossima settimana: zona arancione o rossa?

Si allontana la zona gialla. Il colore della Toscana la prossima settimana è probabile che resti lo stesso, ma per metà marzo c'è il rischio di passare da zona arancione a rossa. E intanto scatta il lockdown a Pistoia e Siena