venerdì, 25 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Disabili e categorie protette, cresce...

Disabili e categorie protette, cresce l’avviamento al lavoro

Il collocamento mirato dedicato all’avviamento al lavoro di disabili e categorie protette ha visto un aumento dell'11 per cento nel 2010 rispetto al 2009. E anche il 2011 è partito in modo positivo.

-

Disabili e categorie protette, cresce l’avviamento al lavoro.

I DATI. Il percorso avviato dall’Assessorato al lavoro della Provincia di Firenze produce i primi risultati positivi: un aumento dell’11 per cento nel 2010 rispetto al 2009, con gli avviamenti che sono passati dai 361 del 2009 ai 401 del 2010, e con le rilevazioni che segnano già quota 91 avviamenti (tra aziende pubbliche e private) tra gennaio e febbraio 2011. Un dato che, se confermato nell’arco dell’anno in corso, potrebbe segnare un incremento del 2011 sul 2010 superiore al 35%.

SENSIBILIZZAZIONE. Un contributo in positivo all’aumento degli avviamenti degli ultimi cinque mesi (ultimo trimestre 2010 e primo bimestre 2011) è stato dato – spiega la Provincia – dalla campagna stampa finalizzata alla sensibilizzazione dell’inserimento lavorativo delle persone disabili, partita lo scorso ottobre. Parallelamente all’avvio della campagna, sono state infatti inserite sul portale della Provincia di Firenze le pagine web dedicate al Collocamento mirato, con tutte le informazioni utili per i servizi alle persone disabili ed alle aziende soggette agli obblighi di cui alla legge 68/99 (che regolamenta l’accesso alle graduatorie del Collocamento Mirato) e non soggette.

NEWSLETTER. Inoltre, per avvicinare e coinvolgere le imprese, dal mese di dicembre 2010 è iniziato l’invio di una newsletter a circa 5.000 indirizzi di posta elettronica di aziende/datori di lavoro, per diffondere le notizie di cui si è fatta promotrice la Provincia di Firenze, compresi gli incentivi ed i finanziamenti a disposizione di chiunque voglia assumere lavoratori disabili iscritti negli elenchi della legge 68/99.

SIMONI. “Quello del collocamento mirato è un lavoro silenzioso, ma di grande impatto per il territorio ed il tessuto economico – spiega l’assessore provinciale al Lavoro Elisa Simoni – in un momento di crisi come quello che abbiamo vissuto e che ancora stiamo attraversando, riuscire ad inserire anche solo una persona in più nel mondo del lavoro è per noi un segnale positivo e di vera ripresa”. “La strada da compiere è ancora lunga e faticosa – conclude Simoni – ma ci sentiamo incoraggiati nelle nostre scelte da questi primi risultati che ci fanno pensare di aver imboccato il percorso giusto. Per questo continueremo ad investire energie e risorse e stiamo già lavorando per l’autunno all’organizzazione di un grande evento innovativo su lavoro e disabilità”.

Ultime notizie

Smart working: cosa cambia dopo il 15 ottobre (senza la proroga)

Le regole per il lavoro agile nel settore privato e quelle per i genitori con meno di 14 anni

Torna La rondine di Puccini al Teatro del Maggio Fiorentino

La stagione lirica del teatro fiorentino continua, dopo il successo del Rinaldo, con "La Rondine" di Giacomo Puccini

Maglieria uomo, tutte le novità per l’autunno

È arrivato il momento del cambio di stagione: i consigli su come "rinfrescare" il proprio guardaroba

Firenze Marathon 2020 annullata, la maratona torna nel 2021

Quando si terrà la 37esima edizione della gara e cosa succede per chi ha già fatto l'iscrizione