martedì, 2 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica E' tempo di cercare lavoro:...

E’ tempo di cercare lavoro: ecco Job Fair

Ci siamo, scatta l'edizione 2010 della fiera dedicata a chi cerca occupazione: l'appuntamento è venerdì 22 e sabato 23 ottobre, per la prima volta al Mandela Forum. Tante le aziende presenti e le iniziative in programma.

-

Venerdì 22 e sabato 23 ottobre torna Job Fair, la Fiera dedicata a chi cerca lavoro, che quest’anno si tiene, per la prima volta, al Mandela Forum.

LA MANIFESTAZIONE. Ben settanta le aziende in mostra quest’anno. L’appuntamento è dalle 10 alle 18 in viale Paoli, l’ingresso è gratuito. Dedicata a chi è in cerca di prima occupazione o a chi, per scelta o necessità, si deve ricollocare nel mondo del lavoro, la manifestazione fiorentina offre l’opportunità di incontrare i responsabili delle risorse umane delle aziende presenti in fiera ed avere un primo colloquio di selezione.

CURRICULUM. Per i partecipanti, il consiglio  è quello di portare numerose copie del proprio curriculum vitae in formato cartaceo e una copia in formato elettronico (cd rom o usb pen drive). La manifestazione – arrivata alla sua tredicesima edizione – è considerata dalle aziende che vi partecipano, la più importante in Italia e la più qualificata per incrociare la domanda e l’offerta di lavoro. Job Fair Firenze è realizzata da un Comitato promotore costituito da Confindustria Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Provincia di Firenze, Università degli studi di Firenze.

SALAORNI. “Siamo molto contenti che siano aumentate le adesioni da parte delle imprese rispetto allo scorso anno, significa che il mercato del lavoro sta, pur faticosamente, tornando a muoversi – sottolinea Laura Salaorni, vicepresidente di Confindustria Firenze -. La manifestazione è ormai da anni la prima in Italia per numero di imprese e numero di candidati e questo testimonia la bontà dell’iniziativa e il gradimento da parte di entrambe le tipologie di utenza”.

AZIENDE ED ENTI. Tutte di primaria importanza e di diversi settori le oltre 70 fra aziende ed enti presenti alla manifestazione. Novità di quest’anno, l’utilizzo da parte delle aziende, di una tabella informativa sulle aree nelle quali è aperta la selezione di personale, consultabile direttamente sul sito dell’evento all’indirizzo www.jobfairfirenze.com.

RICERCA. Il personale più richiesto e’ quello con un po’ di esperienza e di età compresa fra i 30 ed i 40 anni, ma si cerca anche personale giovane da formare in azienda. C’è molto spazio, quindi, sia per chi cerca un primo inserimento nel mondo del lavoro, sia per chi vuol cambiare attività o vuole qualificarsi o riqualificarsi con corsi di specializzazione o di formazione. Nella passata edizione il 5% per cento delle persone che hanno partecipato a Job Fair hanno trovato una occupazione o una ricollocazione grazie alla fiera.

SIMONI. “Stiamo vivendo, ormai da troppo tempo, un periodo di forte incertezza lavorativa; i dati sulla Cassa Integrazione e sulla disoccupazione, soprattutto quella giovanile, continuano ad essere preoccupanti e da qui al termine dell’anno molte saranno le situazioni da gestire – aggiunge Elisa Simoni, assessore al lavoro della Provincia di Firenze -. In uno scenario così complicato, nel quale come Provincia abbiamo agito finora secondo l’approccio ‘Solidarietà e Competitività’, con un insieme di progetti e interventi di politiche di sostegno al reddito e di politiche attive per il lavoro e la formazione, mi sembra fondamentale il ruolo strategico che assumono le politiche e gli interventi per l’orientamento. Si tratta infatti di far prendere consapevolezza alle cittadine e ai cittadini, soprattutto a quelli che devono impostare un proprio percorso formativo e lavorativo, di quelle che sono le opportunità che il territorio offre da questi punti di vista. Per questo come Provincia sosteniamo una importante manifestazione come quella del Job Fair”.

UNIVERSITA’. “L’Università di Firenze ha intrapreso l’attivazione di un programma di orientamento e job placement grazie al nuovo Centro di servizi per la valorizzazione della ricerca e la gestione dell’Incubatore universitario (CsaVRI) che opera a contatto diretto con l’economia del territorio – ha annunciato Paola Lucarelli, responsabile del Job placement dell’ateneo fiorentino – L’obiettivo del nuovo servizio è quello di rafforzare e coordinare l’impegno delle singole Facoltà per fornire agli studenti gli strumenti per coniugare una valida formazione con le capacità di valorizzarla nel mondo del lavoro”.

CAMERA DI COMMERCIO. “La Camera di Commercio sostiene anche quest’anno Job Fair perché, finché in Italia non cambiano le regole del reclutamento e del ricambio generazionale, rappresenta uno dei pochi luoghi di contatto tra il merito e le esigenze aziendali – sostiene Vasco Galgani, presidente della Camera di Commercio -. In Job Fair la montagna incontra Maometto, perché qui, per scelta e per appuntamento, sono entrambi a venirsi incontro”.

INCONTRI. Ricco anche il programma di seminari e incontri, organizzati nell’area meeting, dagli enti promotori, durante i due giorni di manifestazione. Esso spazia da quale facoltà scegliere a come compilare un curriculum vitae, a come sostenere un colloquio di lavoro. Il programma completo è scaricabile su www.jobfairfirenze.com.

Ultime notizie

Anticorpi monoclonali: cosa sono, a che punto siamo in Italia (e in Toscana)

Da Siena arriva una promettente terapia per battere il Covid: gli anticorpi monoclonali: cosa sono, come funzionano e quando saranno disponibili in Italia. L'intervista a uno dei ricercatori che ha individuato un potente anticorpo monoclonale

Zona arancione rafforzata: significato e regole della fascia “arancio scuro”

Si allarga nuova fascia di rischio: ecco dove è in vigore, il significato di "zona arancione rafforzata" o "zona arancione scuro", cos'è e le regole su cosa si può fare

Quando esce il nuovo Dpcm Draghi e quando entra in vigore il decreto

Stop alle riaperture e regole anche per Pasqua: quando esce il nuovo Dpcm del governo Draghi, quando entra in vigore e quando scade

Covid Toscana: casi tornano sotto quota mille ma sale la percentuale di positivi al test

I dati del bollettino Covid della Toscana del 1 marzo: casi di coronavirus tornano sotto quota mille, alta percentuale dei positivi al test