venerdì, 25 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica "Evidenza pubblica per le acque...

“Evidenza pubblica per le acque minerali”

evidenza pubblica per le acque minerali

-

Un testo che sarà ulteriormente approfondito e sottoposto a nuove audizioni con i soggetti interessati, con l’intenzione di portarlo in Aula per l’approvazione definitiva nell’arco di un mese. “Astensione tecnica” sulle modifiche per i gruppi di An e Forza Italia – PdL.

“La procedura di evidenza pubblica riguarderà in particolare le nuove concessioni, che i Comuni dovranno attivare per le aree sulle quali si sono concluse le attività di ricerca – spiega il presidente della commissione Attività produttive, Vittorio Bugli (Pd) – Il principale criterio per l’aggiudicazione della concessione – continua – sarà la presentazione di un piano industriale che contenga gli interventi per la tutela della risorsa, la promozione dello sviluppo del territorio, le ricadute economiche e occupazionali, la compensazione degli eventuali impatti. Sarà la prima legge regionale in Italia che promuove concorrenza e libero mercato in questo settore”.

“Un passo avanti importante, con novità significative che danno un segnale sulla direzione che vogliamo seguire”: questo il commento del presidente della commissione Sanità, Fabio Roggiolani (Sinistra Arcobaleno), secondo il quale le modifiche introducono criteri e procedure più chiari sia per gli enti locali che per le aziende. “Finalmente viene meno l’automatismo fra permesso di ricerca e assegnazione della concessione – aggiunge Roggiolani – Questo avrà ricadute positive su tutta la legislazione regionale”. Giudizio “sospeso” invece per il centro-destra: “Il testo dice che il Comune dovrà assegnare la concessione con il criterio dell’offerta considerata più vantaggiosa – afferma Marco Cellai (An) – Ma non è chiaro in base a che cosa dovrà valutare le offerte, anzi c’è il rischio di avallare un’eccessiva discrezionalità. In attesa di approfondimenti di merito, il centro-destra opta per un’astensione tecnica”, ha concluso. D’accordo invece sulle modifiche, con la possibilità anche di specificare meglio i criteri per la valutazione da parte dei Comuni, il consigliere Gino Nunes (Pd).

Su proposta del presidente Bugli, le commissioni hanno concluso i loro lavori con la decisione di attivare nuove audizioni, che coinvolgano i soggetti maggiormente interessati dai cambiamenti, e allo stesso tempo di proseguire con i necessari approfondimenti, attivando anche un gruppo di lavoro tecnico che si occupi del Regolamento attuativo, in collaborazione con la Giunta regionale.

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Tour della Toscana, alla scoperta delle bellezze di questa regione

Arte, storia, cultura, piccoli borghi, natura e buona cucina: i migliori tour della Toscana da Firenze al Chianti fino alla Val d'Orcia

Smart working: cosa cambia dopo il 15 ottobre (senza la proroga)

Le regole per il lavoro agile nel settore privato e quelle per i genitori con meno di 14 anni

Torna La rondine di Puccini al Teatro del Maggio Fiorentino

La stagione lirica del teatro fiorentino continua, dopo il successo del Rinaldo, con "La Rondine" di Giacomo Puccini