venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaFiamme nel palazzo, soccorsi difficoltà....

Fiamme nel palazzo, soccorsi difficoltà. ‘Siamo murati in questa strada’ / FOTO

Incendio in via Vittorio Emanuele, ieri sera, strada “ingabbiata” tra due passaggi a livello recentemente murati. Soccorsi in difficoltà e residenti infuriati. “Siamo murati qui”.

-

 

Incendio in via Vittorio Emanuele, ieri sera, strada “ingabbiata” tra due passaggi a livello recentemente murati. Soccorsi in difficoltà e residenti infuriati. “Siamo murati qui”.

FIAMME. Le fiamme si sono sviluppate attorno alle 8.30 di sera all’interno di un appartamento al civico 47, primo piano, per cause ancora in fase di accertamento. Nel momento in cui il rogo ha avuto inizio l’appartamento era vuoto, mentre così non era per i restanti tre alloggi dello stesso palazzo. Immediato l’allarme, alla vista di fiamme che divampavano fin sopra il livello del tetto della casa.

SOCCORSI. Tempestivo l’arrivo dei vigili del fuoco, che in poco tempo sono riusciti a domare le fiamme, anche se un’ora più tardi le colonne di fumo si alzavano ancora alte sopra il palazzo. Un secondo mezzo dei pompieri, invece, ha trovato difficoltà nel trovare l’accesso alla strada, mentre l’ambulanza è arrivata solo mezz’ora dopo la chiamata al 118. Sul posto, infatti, non c’è stato alcun ferito, ma un’anziana signora ha avuto un malore per il grande spavento.

MURATI. Inutile dire che la protesta tra i residenti si è riaccesa più forte che mai. Gli abitanti di via Vittorio Emanuele, infatti, si erano già fatti promotori di una raccolta di firme contro lo sbarramento dei passaggi a livello e il conseguente “ingabbiamento” delle loro abitazioni. L’operazione, avviata da Ferrovie per una politica generale di dismissione di pericolosi incroci tra treni e auto, risale ormai a più di un anno fa, ma non è ancora andata giù ai residenti. L’unica via di accesso, adesso, è da via del Romitino. “E voglio vedere se un fatto del genere succedeva di lunedì come facevano ad arrivare i soccorsi – dichiara una residente arrabbiata – quando c’è il turno di pulizia della strada le auto in sosta rendono praticamente impossibile l’accesso ai mezzi di soccorso”.  

FIRME. Finora più di 1000 persone hanno aderito alla raccolta di firme. Ma adesso si preparano nuove iniziative di protesta. “Abbiamo sempre fatto notare che qui se succede qualcosa siamo in gabbia”, sottolinea un altro cittadino su tutte le furie. “Siamo murati qui dentro”. La protesta rischia ora di infiammarsi.

Ultime notizie