Finesettimana nel verde, il prossimo, il Wwf spalanca le porte delle oasi di tutta Italia. Dieci le aree toscane da visitare, tra bird watching e mercatini di scambio e riciclo, da quella di Focognano, alle porte di Firenze, al Bosco di Rocconi, la “valle dei falchi”, in provincia di Grosseto.

LE OASI. Ecco le oasi aperte per l’occasione: Riserva Naturale Laguna di Orbetello di Ponente (Orbetello- Gr),Riserva Naturale Lago di Burano (Capalbio – Gr), Riserva Naturale Regionale Bosco di Rocconi (Roccalbegna-Gr), Riserva Natura Padule Orti Bottagone (Piombino-Li), Oasi Stagni di Focognano –Area Naturale di Interesse locale (Campi Bisenzio-Fi), Parco didattico dei Ronchi (Massa), Dune di Tirrenia (Pisa), Oasi affiliata Gabbianello (Barberino di Mugello –Fi), Oasi affiliata Capra Matilda (Roccalbegna-Semproniano-Gr), Oasi affiliata San Felice (Gr).

BIRD WATCHING E MERCATINI. L’occasione, in piena stagione primaverile e di migrazioni degli uccelli, è speciale per l’osservazione di animali rari e protetti, per partecipare a iniziative speciali e passare una giornata di relax insieme agli esperti del Wwf. Mostre di pittura e di fotografia naturalistica, proiezione di filmati, mercatini di scambio e di riciclo, attività ludico-ricreative naturalistiche per grandi e piccini, degustazioni di prodotti tipici locali, liberazione di rapaci, passeggiate ornitologiche, attendono famiglie e gruppi nel ricco programma consultabile sul sito www.wwf.it

SALVA UN BOSCO. In omaggio all’Anno delle Foreste il Wwf  ha lanciato la grande raccolta fondi “Una nuova oasi per te” (dall’8 maggio al numero 45507**) per tutelare e gestire  a beneficio di tutti tre boschi italiani di valore naturalistico: i Boschi di Marzagaglia in Puglia, dove querce rare, ulivi secolari, vigneti e masserie sono inframmezzati da strade e minacciati da tagli e pascoli; il bosco umido di Foce dell’Arrone, sul litorale laziale, sopravvissuto all’urbanizzazione devastante dell’area ed uno degli ultimi esempi di com’era un tempo la costa tirrenica e in Lombardia un’area prossima alla Riserva naturale di Valpredina, sulle Prealpi bergamasche, un cuore verde di roverelle e carpini dove nidificano oltre 50 specie di uccelli, minacciata dall’ampliamento delle aree di caccia circostanti. Tra i testimonial dello spot anche l’attore Luca Argentero.

{youtube}jrp_xgFRXL4&feature=channel_video_title{/youtube}