domenica, 28 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Fiorentina-Lazio "a rischio"

Fiorentina-Lazio “a rischio”

"Vendita di un solo biglietto per spettatore ospite, con incedibilità del titolo, da effettuare esclusivamente presso alcune rivendite a Roma individuate dalla società sportiva Lazio": queste le decisioni del prefetto Andrea De Martino per la gara del Franchi del prossimo 8 febbraio.

-

La partita è “a rischio”, e arrivano le restrizioni. Lo ha stabilito il prefetto Andrea De Martino per la partita Fiorentina-Lazio in programma allo stadio Artemio Franchi il prossimo 8 febbraio: vendita di un solo biglietto per spettatore ospite, con incedibilità del titolo, da effettuare esclusivamente presso alcune rivendite a Roma individuate dalla società sportiva Lazio.

L’incontro – spiega una nota della prefettura – presenta fattori di criticità per gli attriti che si sono manifestati in passato tra le tifoserie delle due squadre, in particolare l’episodio  del 3 dicembre 2006, quando si registrarono seri problemi per l’ordine pubblico con scontri che portarono all’aggressione di una volante della Polizia. Tenuto contro di questi precedenti, il prefetto ha quindi deciso di adottare alcune restrizioni nella vendita dei biglietti, con l’obiettivo di “garantire l’ordinato svolgimento della partita”.

Ultime notizie

Contro l’Udinese nella Fiorentina rientra Ribéry

Probabile l’utilizzo anche di Kokrin, assente Bonaventura: le probabili formazioni di Udinese - Fiorentina

Covid Toscana, casi ancora sopra ai 1.200: i dati del 26 febbraio

I dati del bollettino Covid della Toscana del 26 febbraio: casi di coronavirus ancora sopra quota 1200, preoccupazione per la zona rossa

Riapertura palestre, via libera alle lezioni individuali: cosa significa

Il nuovo protocollo del Cts apre alle lezioni individuali per la riapertura delle palestre: quali sono, cosa significa e da quando

Slitta ancora la riapertura delle palestre: oggi si decide fino a quando restano chiuse

Oggi la decisione sulla riapertura delle palestre: almeno un altro mese di chiusura, nel nuovo Dpcm si decide quando riapriranno