giovedì, 21 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaFirenze zona rossa, Giani: "Siamo...

Firenze zona rossa, Giani: “Siamo proprio al limite”

Sempre più comuni in zona rossa e anche Firenze rischia: il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani difende la strategia dei lockdown locali

-

“Siamo proprio al limite, guardiamo un po’ che cosa succede”. È quanto ha detto il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, in collegamento con la trasmissione ‘Un giorno da pecora’ su Rai Radio 1, in riferimento al rischio che la città di Firenze possa finire in zona rossa a causa dell’aumento di casi da Covid.

Firenze e il rischio zona rossa

Il governatore ha anche difeso il modello che lo ha portato a “disporre le aree rosse in tre province e tre territori importanti, per vedere se riusciamo a tenere il livello generale della regione sull‘arancione, e contemporaneamente limitare i contagi”. In riferimento all’ordinanza restrittiva sulle seconde case la decisione è stata presa “per prevenire ciò di cui ci siamo lamentati l’anno scorso, perché è evidente che poi quando si creano assembramenti, finché non abbiamo innestato una campagna di vaccinazione che erga il muro, sappiamo che tutto fa contagio”. L’ordinanza, è stato chiarito, riguarderà circa 700-800mila persone.

Giani: mi vaccinerò con AstraZeneca

Tra gli argomenti trattati anche quello relativo ai vaccini: “Io penso di vaccinarmi con Astrazeneca – ha chiarito il presidente della Regione -. Ho preferito finora non vaccinarmi perché so che nella sensibilità delle gente poi può apparire un privilegio, e quindi ho evitato di farlo. Fino a qualche giorno fa, fino allo stop di AstraZeneca, guai se si vaccinava una persona con responsabilità pubbliche: subito veniva messa alla gogna da parte di tutti per aver usufruito di un privilegio. Ecco, negli ultimi giorni sto vedendo che dopo la vicenda di AstraZeneca molte persone sono recalcitranti, quindi potrebbe valere proprio l’esempio“.

Ultime notizie