martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Fontana di piazza Santa Croce,...

Fontana di piazza Santa Croce, parte la raccolta fondi per il restauro

Il progetto Florence I Care, promosso dal Comune di Firenze, e il Rotaract Club Firenze Sud, si uniscono per finanziare il restauro della fontana di piazza Santa Croce. I dettagli.

-

Tornerà a zampillare. La fontana di piazza Santa Croce verrà restaurata grazie al Rotaract Club Firenze Sud, che attiverà una raccolta fondi online.

INIZIATIVA. Il progetto di restauro sarà il frutto di una stretta collaborazione di due distinte iniziative, il “Restaury”, ideato dal Rotaract Club Firenze Sud (la sezione giovanile del Rotary) che prevede la raccolta fondi, e il “Florence I Care”, promosso dal Comune di Firenze, che ha come obiettivo quello della rivalorizzazione e conservazione del patrimonio artistico, sociale e culturale fiorentino.

FONTANA. La fontana, realizzata dall’architetto Pier Maria Baldi nel 1673, è situata davanti a palazzo Cocchi ed è formata da un’alta base ottagonale di marmo, alla quale sono addossate, lateralmente, due conchiglie che raccolgono l’acqua uscente da due teste di leone. Al centro del basamento si alza una colonna che termina con una vasca rotonda ed un giglio coronato. Il progetto del restauro è stato presentato ieri a Palazzo Vecchio, alla presenza dell’assessore alla cultura Sergio Givone e del presidente del Rotaract Club Firenze Sud Giovanni Giorgetti.

RESTAURO. L’intervento prevede un’operazione di pulitura del marmo e il ripristino idraulico, attraverso la realizzazione di un impianto a tempo, per evitare sprechi d’acqua.”La fontana ha un grande valore simbolico in quanto collocata in un punto che permette di leggere al meglio piazza Santa Croce – ha comunicato l’assessore Givone – e con il suo restauro la piazza apparirà nella sua luce più vera”. “L’intervento previsto dai giovani del Rotary – ha continuato – ha il merito di restituire alla città un oggetto prezioso, sfruttando le nuove tecnologie: attraverso la Rete, infatti, solleciteranno il microcredito affinché tutti, e non necessariamente i mecenati che dispongono di grandi risorse, possano essere coinvolti nel restauro di un bene comune”.

FONDI. Per il completo restauro della fonte, occorreranno infatti circa 25mila euro. Il Rotaract Club Firenze Sud si impegnerà a promuovere una raccolta fondi online, seguendo la pratica del crowdfunding, ovvero un processo di finanziamento di cause comuni, al quale qualsiasi si può partecipare anche donando piccole somme, il tutto attraverso apposite piattaforme web. “L’idea alla base del progetto “Restaury” – ha detto Giovanni Giorgetti – è quella di voler sfruttare l’ampissimo network di soci rotariani e rotaractiani presenti nel mondo, e che attualmente risultano essere circa 1.500.000″. “Per quanto riguarda le modalità di coinvolgimento degli utenti – ha continuato -, abbiamo messo a punto una mailing list mondiale che raccoglie gran parte dei contatti degli attuali soci e che a breve sarà utilizzata per la pubblicizzazione globale della raccolta fondi”. E’ stato poi realizzato un sito, www.restaury.org, che, come afferma lo stesso Giorgetti, “presenta un’apposita versione in lingua inglese, per facilitare la diffusione della campagna anche in realtà territoriali molto lontane e differenti da quella italiana”.

Ultime notizie

Palestra artistica alle Murate: un luogo dove “allenare” il talento

Perché non allenare anche il proprio talento? A Le Murate è nata la Palestra artistica, dove gli attrezzi sono penna, pennello e scalpello

Teatro del Maggio: l’ultimo Barbiere di Siviglia (prima dello stop)

Il Barbiere di Siviglia è l'ultima opera in programmazione al Teatro del Maggio prima dello stop alle rappresentazioni teatrali imposte dal governo a causa del coronavirus.

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, uno tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto