mercoledì, 3 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Frane, stop alle costruzioni nelle...

Frane, stop alle costruzioni nelle zone colpite

Sicurezza idrogeologica, basta costruire nelle zone colpite da frane e dissesti. A poco più di una settimana dalla tragedia di Massa e a quasi un anno dall'esondazione del Serchio arriva il diktat del governatore Enrico Rossi.

-

 

Sicurezza idrogeologica, basta costruire nelle zone colpite da frane e dissesti. A poco più di una settimana dalla tragedia di Massa e a quasi un anno dall’esondazione del Serchio arriva il diktat del governatore Enrico Rossi. Nelle province di Massa Carrara e Lucca, nelle aree che hanno subito i danni del maltempo, non si potrà più edificare, almeno da qui a un anno.

PAUSA. Una pausa di riflessione, così la chiama il presidente della Regione. “Le misure cautelari – spiega il presidente Enrico Rossi – dureranno fino a 8 mesi, al massimo un anno, e durante questo periodo di tempo, dedicato alle verifiche, saranno consentiti esclusivamente interventi finalizzati al ripristino delle condizioni di sicurezza”.

SVOLTA. “Non possiamo permetterci mai più – continua Rossi – di edificare in Toscana senza prima aver realizzato tutte le necessarie condizioni di sicurezza. Verificheremo a breve anche la legislazione in materia e se necessario la riorienteremo nella direzione di questo obiettivo di tutela dei cittadini. Tutto questo produrrà una vera svolta nel territorio”.

TEMPI. Le misure cautelari dureranno per un periodo di 8 mesi, rinnovabile fino ad un massimo di 12 mesi. I Comuni hanno 20 giorni di tempo per perimetrare le aree interessate e inviare le cartografie alla Regione. Il Settore sistema regionale di protezione civile ha a sua volta 10 giorni per validarle. Entro ulteriori 10 giorni le Province inviano alla Regio ne le documentazioni e i piani di manutenzione delle opere idrauliche. Le Province hanno inoltre 90 giorni di tempo per verificare la coerenza tra i livelli di rischio e il servizio di piena.

Ultime notizie

A che ora chiudono i bar e fino a quando sono aperti per l’asporto

Il nuovo Dpcm Draghi stabilisce a che ora chiudono i bar e i ristoranti dal 6 marzo: ecco quando possono stare aperti e le novità per gli orari dell'asporto

Covid Toscana, sono i 1.163 nuovi casi: i dati del 3 marzo

I dati del bollettino Covid della Toscana del 3 marzo: casi di nuovo sopra quota mille, percentuale positivi al 4,67%

Centri commerciali aperti o chiusi sabato e domenica: cosa dice il nuovo Dpcm

Shopping a ostacoli. In zona bianca, gialla e arancione tutti i negozi possono stare aperti, ma nel weekend scatta la chiusura dei centri commerciali anche per il nuovo Dpcm Draghi. Quando riapriranno?

Quante persone possono partecipare ai funerali in zona gialla, arancione e rossa

Funerale in zona gialla, arancione o rossa, le regole anti-Covid: quanti possono essere i partecipanti, per cosa scatta il divieto, quali sono le deroghe agli spostamenti secondo il Dpcm