sabato, 24 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Furto all'Ataf, disattivate mille "Carta...

Furto all’Ataf, disattivate mille “Carta Agile”

Furto alla sede Ataf di piazza della Stazione: disattivate oltre mille Carta Agile. Il presidente Bonaccorsi. “E’ solo il primo passo. Renderemo vana l’offesa che questi delinquenti hanno recato al servizio di trasporto pubblico della città”.

-

Le Carta Agile rubate sono state tutte disattivate questa mattina. Erano più di mille per un valore di 15mila euro. Il presidente di Ataf Filippo Bonaccorsi rinnova l’appello a non comprare i titoli di viaggio rubati dal box Ataf della stazione di Santa Maria Novella giovedì scorso, durante la notte e aggiunge: “La disattivazione delle Carta Agile è solo il primo passo per rendere vana l’offesa che questi delinquenti hanno recato al servizio di trasporto pubblico della città”.

L’azienda è all’opera con enti e istituzioni per fare in modo che i titoli di viaggio rubati non possano essere messi sul mercato perché inutilizzabili. La disattivazione della Carta Agile è la prima di queste azioni: “Qualora qualcuno acquistasse la Carta Agile in posti non autorizzati da Ataf, si ritroverebbe in mano oggi una tessera che non funziona”.

Questi passeggeri, quindi, rischierebbero una multa di 120 euro, e non sarebbe esclusa nemmeno l’apertura di un eventuale procedimento penale.

Ultime notizie

Fiorentina a caccia della vittoria. Al Franchi arriva l’Udinese

L'anteprima di Fiorentina - Udinese in programma al Franchi domenica 25 ottobre alle 18: le probabili formazioni

L’Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze: quando il piatto trae in inganno

In via d'Annunzio nasce una trattoria 'insolita' di nome e di fatto: qui i piatti non hanno niente di canonico o ordinario e sono una continua sorpresa per gli occhi e per il palato.

Vaccino antinfluenzale 2020 in Toscana: quando, dove e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Ludopatia: il Covid non ferma il gioco d’azzardo patologico

Aumentano i giocatori d’azzardo patologici e si temono gli effetti della crisi Covid. Una cura c’è, ma bisogna agire subito