lunedì, 1 Giugno 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Un campus (online) per coltivare...

Un campus (online) per coltivare il “Giardino delle imprese 2020”

Un percorso di alta formazione riservato agli studenti delle superiori, 500 euro di borsa di studio per il progetto migliore e un computer per tutti gli allievi più attivi. Come participare al bando lanciato dalla Fondazione CR Firenze

-

Cinquanta studenti delle scuole superiori di Firenze, Arezzo e Grosseto potranno partecipare al “Giardino delle Imprese 3”, un percorso di alta formazione, che nel 2020 si sposta online, per sviluppare lo spirito imprenditoriale dei più giovani e plasmare il nostro domani. E a chi ideerà il progetto migliore andrà una borsa di studio da 500 euro. È partito il nuovo bando per selezionare i partecipanti di questo speciale campus, completamente gratuito, con tre parole chiave: idee, giovani e comunità.

L’iniziativa di orientamento avrebbe dovuto svolgersi a Rondine Cittadella della Pace, un borgo medievale a pochi chilometri da Arezzo, ma l’emergenza sanitaria ha cambiato i programmi: si svolgerà online dal 22 giugno al 10 luglio, ma resta la possibilità di organizzare un weekend a Rondine a luglio o a settembre, in in base all’evolversi della situazione.

Il Giardino delle Imprese è promosso da Fondazione CR Firenze e Fondazione Golinelli con la collaborazione di Rondine Cittadella della Pace, dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, e, Murate Idea Park, INDIRE e IUL.

Chi può partecipare al “Giardino delle imprese 2020”: i requisiti

Il bando è rivolto agli studenti iscritti al terzo e al quarto anno delle scuole secondarie di II grado delle province di Firenze, Arezzo e Grosseto. Cinquanta di loro entreranno a far parte della community Campus Giardino delle Imprese, uno spazio di condivisione e di confronto su tematiche di interesse comune. C’è tempo fino al 5 giugno 2020 per fare domanda per il “Giardino delle imprese 3”: la richiesta va presentata online sul sito della Fondazione CR Firenze.

Giardino delle imprese 2020 CR Firenze

L’ambiente e la persona sono i temi alla base del progetto che, quest’anno, ha un particolare focus sui beni comuni come opportunità di sviluppo di una comunità, ovvero quei “tesori” che per essere valorizzati hanno bisogno che un’intera comunità se ne prenda cura.

Come si svolgerà il campus

I giovani saranno divisi in cinque gruppi e saranno accompagnati da esperti e tutor attraverso approcci collaborativi e interattivi perché attivino, lavorando da soli e in squadra, l’insieme delle competenze necessarie alla gestione sostenibile di una loro proposta progettuale di ‘bene comune’. Una giuria premierà il progetto più meritevole: ogni partecipante al gruppo riceverà 500 euro di borsa di studio e l’intero team sarà accompagnato da esperti nella costruzione di una campagna di crowdfunding per la realizzazione del progetto.

Ogni partecipante riceverà un computer portatile in comodato d’uso, che rimarrà a tutti i ragazzi e a tutte le ragazze che parteciperanno in modo attivo per almeno l’80% del campus.

L’iniziativa Il giardino delle imprese ha il patrocinio del Comune di Firenze, dei Comuni di Arezzo e Grosseto, della  Scuola per i Beni Comuni – SIBEC, del Forum del Terzo Settore, del Centro Servizi Volontariato Toscana – CESVOT, della  Fondazione CON NOI – Legacoop Toscana, della Fondazione Clima e Sostenibilità, di Impact HUB Firenze e della  Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron.

Ultime notizie

Mascherine gratuite, in Toscana la distribuzione si sposta in edicola

Stop alla distribuzione nelle farmacie, dal 5 giugno le mascherine gratuite si trovano in edicola: come funziona e quante ne spetta a testa

Centri estivi 2020, le linee guida della Regione Toscana

Dal distanziamento al numero di operatori, ecco le linee guida 2020 per i gestori di centri estivi in Toscana: l'ordinanza 61 della Regione

Centri estivi 2020 del Comune di Firenze, iscrizione al via

Sono 28 i centri estivi organizzati dal Comune di Firenze nei cinque Quartieri: domande di iscrizione online dal 1° all'8 giugno

Spiagge libere, le regole per l’estate 2020 della Regione Toscana

Mascherina, distanza tra gli ombrelloni ma niente prenotazione: l'ordinanza 61 della Regione Toscana detta le regole per le spiagge libere