martedì, 26 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Perché non si può giocare...

Perché non si può giocare a carte nei bar e circoli: le regole anti-Covid

E' iniziata la partita per tornare ai tavoli di gioco. Cosa dicono le regole per limitare la diffusione del coronavirus

-

L’allerta Covid mette in crisi anche la briscola e la scala quaranta tra amici: niente mazzi condivisi e partitelle nei bar o nei circoli culturali e ricreativi, al momento le regole anti-coronavirus parlano chiaro, non si può giocare a carte in tutti i luoghi di aggregazione (se non si è conviventi). Ma c’è già chi ha un asso nella manica e propone una serie di linee guida per tornare a ritrovarsi intorno a un tavolo, dai mazzi in quarantena al gel a profusione ogni volta che le carte vengono distribuite ai giocatori.

Si può giocare a bocce e biliardo, non a carte. Regole e linee guida

Secondo il vademecum stilato dalla Conferenza delle Regioni per la riapertura delle attività dopo il 15 giugno, nei circoli culturali, nei club ricreativi e nei centri anziani e di aggregazione sociale vanno privilegiate le attività a piccoli gruppi di persone, sempre rispettando almeno un metro di distanza dagli altri. Giochi da tavolo, biliardo e bocce sono consentiti ma è obbligatorio indossare la mascherina e igienizzarsi le mani prima di ogni nuovo turno, mentre tutti gli oggetti di gioco vanno disinfettati prima e dopo ciascun turno di utilizzo.

Non si può invece giocare a carte al bar e nei circoli, perché le linee guida anti-Covid della Conferenza delle regioni  “squalificano” i mazzi da briscola e da poker, specificando che

È vietato l’utilizzo di strumenti di gioco per i quali non è possibile una disinfezione ad ogni turno (es. carte da gioco).

Il problema è tutto qui: non si possono usare i mazzi di carte intorno a un tavolo da gioco perché non possono essere igienizzati e quindi possono essere veicolo di trasmissione del coronavirus, visto che sono toccati da tutti i partecipanti. Qui il documento in pdf con tutte le linee guida delle Regioni.

Quando si potrà tornare a giocare a carte in bar e circoli? La proposta

C’è chi non si è dato per vinto. Un’idea arriva dal Piemonte. Le Acli provinciali di Cuneo  hanno raccolto in 4 pagine una serie di idee per tornare a giocare a carte sui tavoli di bar e circoli, stabilendo cosa si può fare e cosa no per l’allerta coronavirus. Non solo mascherina e gel, ma anche tovaglie usa e getta per il tavolo da gioco da buttare via a ogni turno, mazzi in “quarantena” per 72 ore, igienizzazione delle mani dopo ogni distribuzione delle carte, sanificazione di tavoli e sedie a ogni turno. Vietato poi toccarsi naso, bocca e occhi (e questo renderà più difficile lanciare segnali in codice ai compagni di squadra).

Insomma, la partita è ancora aperta: al momento rimane il divieto di giocare a carte, ma presto il mazzo potrebbe riservare qualche sorpresa.

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: i dati delle ultime 24 ore per regione

I dati del 25 gennaio dal bollettino sul coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia e quanti morti?

Quante persone possono entrare in un negozio: come calcolare il numero massimo

Come calcolare il numero massimo di persone ammesse in un negozio: le regole anti-Covid del nuovo Dpcm, dal cartello a quanti clienti possono entrare per metro quadrato

Quando il cambio di colore delle regioni: ogni quanto vengono decisi i colori Covid

Permanenza più lunga in zona arancione e rossa: quando viene deciso il cambio di colore delle regioni italiane e quando cambiano effettivamente i colori, con l'entrata in vigore dell'ordinanza

Zona rosso scuro: cosa significa per chi vuole viaggiare in Europa e Italia

Nella "mappa" dell'Europa arriva una nuova zona, rosso scuro, con limitazioni per chi vuole viaggiare: cosa significa e cosa cambia nelle regioni italiane che finiranno in questa fascia di rischio