Tempo di Natale, di regali e dell’immancabile presepe. Quello allestito sul tavolino basso o in un angolo del salotto, dove spesso il gatto trova un comodo spazio tra le lucine e la carta pesta. C’è il presepe della nonna che non va toccato e quelli in cui capita che accanto al pastorello trovino spazio un drago o una principessa.

I tempi cambiano si sa, e una rilettura postmoderna del giaciglio non è più all’indice. Eppure la tradizione del presepe è più forte che mai, parola di presepista. “L’Associazione Italiana Amici del Presepio, nasce a Roma nel 1953, ma anche Firenze ha la sua tradizione – racconta Massimo Pucci vice presidente Aiap – e noi vogliamo mantenerla alta. A Firenze da visitare sono i presepi di S. Maria Madre della Chiesa e quello artistico dei Bassi”.

Come riconoscere un presepe toscano

Quali sono le peculiarità di un tradizionale presepe toscano? “Gli ambienti rappresentano le casette della nostra montagna, con gli intonaci scrostati e la pietra a vista e anche i materiali fanno la differenza. Le scenografie infatti sono in poliestere espanso, mentre ad esempio a Napoli usano molto il sughero”.

Associazione Italiana Amici del Presepio Firenze

Tra gli scopi dell’associazione anche quello di incrementare l’arte del presepe, tanto che l’associazione è attualmente impegnata in un progetto al carcere di Sollicciano dove dieci detenuti stanno imparando a fare un presepe: “Anche se  – prosegue Pucci – il lavoro non è semplice, dato che alcuni strumenti in carcere non possono essere utilizzati. La speranza è quella che in futuro siano in grado di insegnare a loro volta quest’arte”.